Competenze e profilo professionale
In Svizzera, gli studi universitari in Conservazione e Restauro sono strutturati secondo il modello 3+2 che prevede una laurea triennale (Bachelor in conservazione) seguita da un biennio specialistico (Master in conservazione e restauro).
La SUPSI è parte della rete di formazione ENCoRE (European Network for Conservtaion-Restoration Education) e membro dell'associazione professionale SKR/SCR – Associazione Svizzera di Conservazione e Restauro.

I programmi didattici seguono un curriculum unitario, definito tra le quattro sedi presso cui è attivo il corso di laurea.

Ogni sede è un centro di insegnamento e di ricerca a cui fanno capo uno o più settori di specializzazione:

  • Abegg-Stiftung, Riggisberg

          - Tessili

  • Hochschule der Künste Bern HKB, Bern

          - Architettura, decorazione interna e arredamento
          - Libri, grafica e fotografia
          - Materiali moderni e media
          - Pittura e scultura

  • Haute Ecole Arc Conservation-restauration (HE-Arc CR), Neuchâtel

          - Oggetti archeologici ed etnografici
          - Oggetti scientifici, tecnici e orologi

  •  Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana SUPSI, Lugano

           - Dipinti murali, stucchi e superfici lapidee

Per coordinare le diverse forme di collaborazione nella didattica e nella ricerca, le sedi indicate hanno costituito lo Swiss Conservation-Restoration Campus, un consorzio teso a sviluppare una rete federale di competenze nella conoscenza e nella conservazione del patrimonio culturale.

Lo Swiss Conservation-Restoration Campus offre:

  • un corso di laurea Bachelor in Conservazione della durata triennale (180 crediti ECTS)
  • un corso di laurea Master in Conservazione e Restauro della durata biennale  (120 crediti ECTS)

Il curriculum bachelor
Uno studente che acquisisce il diploma Bachelor of Arts UAS in Conservazione si occuperà dello studio, della gestione e della conservazione preventiva dei beni culturali, in collaborazione con restauratori o all'interno di istituzioni pubbliche o private.
Nello svolgimento della loro attività, i conservatori si assumono la grande responsabilità di trasmettere alle generazioni future le testimonianze originali del patrimonio storico, artistico e culturale: dovranno pertanto agire con una forte etica professionale, consapevoli dell'unicità degli oggetti che avvicinano.

Al termine degli studi sarà possibile:

  • lavorare presso musei, collezioni, archivi, laboratori e imprese di restauro come professionisti abilitati a seguire progetti di conservazione preventiva (attività di documentazione, catalogazione, monitoraggio, analisi del degrado, trasporto, ecc.);
  • collaborare ad interventi di conservazione e restauro sotto la supervisione di un restauratore qualificato secondo le norme europee (E.C.C.O.);
  • continuare la formazione universitaria con un Master in Conservazione e Restauro o in un settore affine.

Come indicato dalle principali norme quadro europee, sottoscritte dall'Associazione svizzera di conservazione e restauro SKR/ SCR, solo con il titolo di Master sarà possibile svolgere la professione di conservatore-restauratore in modo autonomo e indipendente.

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch