Incontri con gli studenti – “Tita Carloni” - Conferenza pubblica dell’architetto Paolo Fumagalli.
05 ottobre 2018
SUPSI, Dipartimento ambiente costruzioni e design, Aula Magna, Campus Trevano, ore 09:00
Il Corso di laurea in Architettura SUPSI ha organizzato un ciclo di conferenze pubbliche, i cui relatori sono professori universitari, docenti e architetti professionisti. Il primo degli “Incontri con gli studenti” avrà luogo il giorno venerdì 5 ottobre 2019 alle ore 09:00 presso l’Aula Magna del Campus di Trevano. Relatore sarà l’architetto Paolo Fumagalli, consiglio di fondazione AAT (Archivio Architetti Ticinesi). Tema della conferenza sarà “Tita Carloni”.

La conferenza, introdotta dal Responsabile del Corso di laurea in Architettura SUPSI Dario Galimberti è aperta al pubblico ed è gradita numerosa presenza.

Per informazioni:
Marta Monti
Coordinatrice Corso di laurea in Architettura
marta.monti@supsi.ch
T 058 666 63 41

Tita Carloni

Tita Carloni (1931-2012) è stato un architetto svizzero nato a Rovio il 24 giugno 1931. Durante gli studi di architettura al Politecnico di Zurigo svolse periodi di pratica presso Rino Tami (Lugano), Peppo Brivio (Locarno) e Boileau e Bourdette (Parigi), per poi conseguire il diploma di architetto nel 1954. Tra il 1968 e il 1991 insegnò alla Scuola di architettura dell’Università di Losanna, di cui fu direttore dal 1976 al 1982. Nel 1970 aderì al Partito Socialista Autonomo, e nel 1973 fondò i Collettivi di progettazione con Lorenzo Denti, Fosco Moretti e altri.
Fin dai primi progetti realizzati si evidenzia come per Carloni fosse fondamentale la ricerca della corretta soluzione per il tema progettuale e il luogo in cui si inserisce: privilegiò l’attenzione per il contesto, l’interesse per i fatti strutturali e costruttivi, la scelta dei materiali e l’elaborazione dei dettagli, nonché la ricerca, per ogni quesito architettonico, dell’adeguata risposta funzionale. È da questi concetti e criteri che deriva il suo interesse per i due aspetti, apparentemente contraddittori, del razionale e dell’organico, ispirandosi agli architetti Frank Lloyd Wright e Alvar Aalto.
Tra le principali collaborazioni si ricordano quelle con Luigi Camenisch, con Alberto Camenzind e Max Bill (Esposizione Nazionale Svizzera), Luigi Snozzi e Livio Vacchini (istituto OTAF a Sorengo, 1974).
Tita Carloni realizzò molte opere, tra le quali Casa Balmelli a Rovio (1957), l’Albergo Arizona a Lugano (1957), Palazzo Bianchi a Lugano (1960 le Case d’appartamenti in via Beltramina a Lugano (1965), la casa-atelier Dobrzanski a Gentilino (1966), la Pinacoteca Züst a Rancate (1967), la casa parrocchiale a Sorengo (1968) e la casa Perucchi ad Arosio (1969), Casa del Popolo a Lugano (1971). Negli ultimi anni della sua carriera si occupò di diversi restauri di monumenti: chiese, campanili, edifici storici.
Importante rimane la sua presenza nel mondo della cultura architettonica del Cantone, con diversi saggi, articoli e conferenze sulla divulgazione dell’architettura, sulla storia contemporanea, sui problemi del territorio e del restauro, sull’identità di un Ticino confrontato con la virulenza dei mutamenti in corso.

Paolo Fumagalli

Paolo Fumagalli nasce a Lugano nel 1941 e consegue la Maturità al Liceo di Lugano nel 1961. Durante gli studi al Politecnico federale di Zurigo svolge una pratica professionale presso l’architetto Tita Carloni, per poi conseguire il diploma di architetto nel 1967, aprendo successivamente uno studio di Architettura a Lugano con il collega Mauro L. Buletti.
Negli anni successivi al diploma, dal 1969 al 1982 svolge diverse attività: è professore di progettazione e teoria di progettazione alla Scuola Tecnica Superiore di Lugano, sezione Architettura; nel 1972, insieme a Peter Disch, è direttore e redattore del mensile di architettura Rivista Tecnica della Svizzera Italiana e, oltre a diverse collaborazioni con la Televisione della Svizzera Italiana, è assistente dell’architetto Giancarlo Durisch al Politecnico federale di Zurigo.
Dal 1979 è membro della FAS, di cui è stato Presidente, sezione Ticino, dal 1992 al 1996.
Tra il 1983 e il 1989 è redattore della rivista di architettura Werk, Bauen + Wohnen, Zurigo, ed è stato presidente della Commissione di redazione dal 1996 al 1998.
Tra il 1995 e il 2017 è stato Presidente del Consiglio di fondazione della Fondazione Archivi Architetti Ticinesi e dal 2003 è collabora della rivista di architettura Archi.
Dal 2007 al 2012 è stato presidente della Commissione cantonale del Paesaggio. Dal 2014 lo studio si chiama Buletti-Fumagalli-Del Fedele-Bernardi Architetti Sagl.

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch