CAS Continuità delle cure nei luoghi di vita
La frammentazione delle cure è oggi uno dei problemi nell’assistenza ai malati, soprattutto per coloro che si sono ammalati di malattie non guaribili e che si protraggono per lungo tempo, coinvolgendo i famigliari e a rete di relazioni. Questi ammalati utilizzano numerose e differenti strutture sociosanitarie che spesso non hanno obiettivi comuni, che non comunicano fra loro e non condividono dati e metodi di lavoro.

Si stima che queste modalità di erogazione dell’assistenza coinvolgano oltre l’80% degli assistiti sia a casa che nei reparti di degenza. La fase più delicata della transizione è rappresentata dal passaggio da un luogo all’altro di cure, del malato che si affida a professionisti con diverso profilo professionale, appartenente a istituzioni differenti e rispondenti a meccanismi operativi differenti. Quello che ne deriva sono allungamenti dei periodi di assestamento dei malati, difficoltà a comprendere le cure e le indicazioni comportamentali da parte dei malati, l’aumento della non aderenza ai trattamenti fino a veri e propri errori. I famigliari dei malati si possono trovare nelle condizioni di sopperire a mancanze informative e organizzative dei servizi. Il luogo dove i malati cronici vivono per la maggior parte del tempo con la loro malattia è la loro casa. L’assistenza infermieristica domiciliare risponde oggi sempre più a bisogni complessi e articolati e in misura analoga al rapido cambiamento che ha modificato la sopravvivenza dei malati, c’è la necessità di applicare nuovi modelli di assistenza infermieristica.

Destinatari

Infermieri provenienti dai servizi di cure a domicilio, infermieri indipendenti, infermieri che si occupano di transizioni dei malati nei differenti settori delle cure.

Obiettivi

Contribuire a formare infermieri che siano competenti nel:

  • Leggere e interpretare le necessità del malato e della famiglia nei diversi contesti di cura, in modo particolare nei momenti di passaggio da un servizio all’altro
  • Creare condizioni di assistenza infermieristica basata sulle informazioni disponibili nella storia del malato e orientate alle condizioni di cura desiderate dal malato
  • Eliminare le frammentazioni delle cure, evitando la ripetizione di procedure, di richiesta di informazioni come anche lunghe attese o mancanze per eccessiva dilazione dei processi di cura
  • Applicare modelli di prevenzione secondaria e terziaria per diminuire il peggioramento delle condizioni e stabilizzare le situazioni croniche, nei luoghi dove vive il malato

Struttura della formazione

Il CAS è costituito da tre moduli:

  • Modulo 1: Ruolo, competenze e responsabilità dell’Infermiere Case Manager
  • Modulo 2: Strumenti per l’Infermiere Case Manager
  • Modulo 3: Situazioni cliniche complesse idonee per Case Management

Programma

Modulo 1: Ruolo, competenze e responsabilità dell’Infermiere Case Manager
- Il ruolo dell’infermiere nel nuovo millennio
- La nuova emergenza: la cronicità dei malati
- L’infermiere Case Manager
- La leadership clinica dell’infermiere
- La responsabilità dei risultati di assistenza
- Nuove competenze cliniche alla luce della complessità dei casi
- Dalla prestazione al caso; dal caso alla situazione: nuove operatività

Modulo 2: Strumenti per l’Infermiere case manager
- Epidemiologia delle malattie croniche e la stratificazione del rischio
- Servizi e programmi di promozione della salute, di prevenzione primaria e secondaria
- Modelli per la presa in cura dei malati cronici
- La rete dei servizi
- La funzione e le caratteristiche della comunità nella cura dei malati a domicilio
- Modelli per l’assistenza ai malati cronici (le nuove tecnologie)
- Aderenza e Self Care
- Pratiche educative rivolte alla persona e/o gruppi di persone

Modulo 3: Situazioni cliniche complesse idonee a metodologia di Case Management
- Situazioni cliniche relative a problemi respiratori
- Situazioni cliniche relative a problemi cardio-circolatori
- Situazioni cliniche relative a situazioni di diabete
- Prevenzione delle complicanze da diabete
- Situazioni cliniche relative a casi di demenza
- Situazioni cliniche relative a casi di malattie neurologiche
- Situazioni cliniche relative a malati psichiatrici
- La qualità dei percorsi assistenziali in ambito di cronicità

Date

  • Modulo 1: 14, 15 ottobre, 25, 26 novembre 2019
  • Modulo 2: 12, 13 dicembre 2019, 27, 28 gennaio 2020, 17, 18 febbraio 2020
  • Modulo 3: 25, 26 marzo 2020, 27, 28 aprile 2020
  • Chiusura: 15 giugno 2020

Orari

9:00 - 12:15, 13:15-16:30

Metodologia didattica

Fortemente partecipativa, ancorata alla realtà e in grado di sviluppare processi di trasferimento nella pratica quotidiana.
Saranno garantiti durante tutto lo svolgimento:
- Laboratori di confronto su situazioni e problematiche concrete
- Laboratori per l’approfondimento e sperimentazione del processo di presa in carico dei malati al proprio domicilio relativamente alle principali malattie croniche.

Iscrizioni

Le iscrizioni sono da inoltrare entro il 31 luglio 2019 richiedendo il formulario di ammissione a deass.sanita.fc@supsi.ch. È possibile l'iscrizione online (link a lato).

Candidature pervenute oltre il termine verranno prese in considerazione in funzione del numero di preiscrizioni al corso.

Costi

L'iscrizione al CAS Continuità delle cure nei luoghi di vita prevede un costo di CHF 3'800.-.

Osservazioni

L’ottenimento del CAS Continuità delle cure nei luoghi di vita (10 ECTS) insieme al CAS Case Management (15 ECTS) porta al conseguimento del Diploma of Advanced Studies (DAS) in Infermiere di famiglia e di comunità, attraverso lo svolgimento di uno stage (3 ECTS) e l’elaborazione del lavoro finale di diploma (5 ECTS).

Responsabili

  • Cesarina Prandi
  • Marina Santini
Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch