Gli effetti fisiologici della crioterapia sul recupero e sulla performance
Gli effetti fisiologici della crioterapia sul recupero e sulla performance

La crioterapia viene spesso descritta come una procedura per ridurre il dolore e diminuire i processi infiammatori nelle affezioni muscolo-scheletriche.

L’utilizzo della crioterapia locale quale strategia di cura principale o addizionale si può osservare in molti campi della fisioterapia e della medicina con il fine di diminuire la temperatura cutanea e intramuscolare, il metabolismo cellulare, il dolore, gli spasmi muscolari e il flusso sanguigno. Gli effetti della crioterapia sulla cute sono generalmente studiati nell’ambito della riabilitazione.

Un altro ambito molto promettente di applicazione della crioterapia è lo sport: in questo caso non è essenziale ridurre il dolore, ma studiare gli effetti della crioterapia sulla performance fisica e sul recupero.
Stando alla letteratura scientifica, gli effetti fisiologici della crioterapia sulla performance e sul recupero sono controversi.

Sono necessari studi più approfonditi sugli effetti di applicazioni fredde per avere una migliore conoscenza dei meccanismi fisiologici e dell’efficacia che regolano questa modalità terapeutica.

Lo scopo del progetto SUPSI, effettuato presso il Laboratorio di ricerca in riabilitazione di Landquart, è quindi quello di studiare gli effetti della crioterapia locale e generale sul recupero e sulla performance.

Contatti

Erich Hohenauer

st.wwwsupsi@supsi.ch