La cosa immaginata move il senso. Alla scoperta di Leonardo da Vinci
10 settembre 2014
Locarno, Dipartimento formazione e apprendimento
Dopo il successo di pubblico e di visibilità ottenuti a Lugano il 4 e il 5 settembre scorsi, Piazzaparola approda a Locarno venerdì 12 settembre con un programma ricco e itinerante dedicato ad uno dei grandi geni del Rinascimento italiano: Leonardo da Vinci.

A partire dalle 9 inizierà un programma itinerante per circa 340 allievi accompagnati dai loro maestri delle scuole di Ascona, Locarno, Losone, Minusio, Muralto, Tenero-Contra e Vallemaggia: La cosa immaginata move il senso. Alla scoperta di Leonardo da Vinci attraverso quattro fermate e uno spettacolo, a cura di Silvia Demartini e Adolfo Tomasini.

Nell’arco dell’intera mattinata gli allievi, suddivisi in quattro gruppi, conosceranno diverse sfaccettature di Leonardo: Le favole e le leggende alla Biblioteca Cantonale di Locarno, con Feliciana Fiscalini-Tocchetto e David M. Zurbu-chen; La scienza e le invenzioni, a cura del «Giardino della scienza», con Giorgio Häusermann e Pamela Delorenzi, negli spazi del Castello Visconteo; I capolavori dell’arte a Casorella con Fiorenza Wiedmann; I bestiari e la musica con l’organista Giovanni Galfetti e la soprana Elena Revelant nella Chiesa Nuova.
Quattro appuntamenti in quattro luoghi diversi, tutti da scoprire.

L’appuntamento locarnese proseguirà nel pomeriggio con uno spettacolo interattivo a cura di Luca Botturi e Silvia Demartini: Leonardo, ma che faccia! Alla scoperta della fisiognomica, con Luca Botturi, Michele Mainardi, Dario Bianchi e le studentesse del terzo anno Bachelor della scuola infanzia del Dipartimento formazione e apprendimento, in collaborazione con l’Atelier “Burattini” di Dario Bianchi, Luisa Figini e Ava Loiacono Husain.

Piazzaparola nel locarnese gode del sostegno di SUPSI, Città di Locarno, Banque Syz SA e Centro nautico Di Domenico.


Informazioni e contatti
Luca Botturi
Responsabile servizio Risorse didattiche, eventi e comunicazione
058 666 68 27
dfa.rec@supsi.ch
 

st.wwwsupsi@supsi.ch