Il lavoro di crescere nel colloquio tra due scrittori
30 marzo 2017
Locarno, Dipartimento formazione e apprendimento, Aula Magna, 17.30
Paolo Di Stefano e Daniele Dell’Agnola discutono di due romanzi che parlano di e agli adolescenti

Paolo Di Stefano e Daniele Dell’Agnola saranno i protagonisti di una serata che si rivolge a tutti quelli che hanno a cuore l’educazione dei nostri adolescenti, organizzata dal centro Didattica dell’italiano lingua di scolarizzazione del DFA. Presentati e stuzzicati da Christelle Campana, giornalista del TG della Radiotelevisione svizzera, i due scrittori parleranno del loro lavoro e si confronteranno sui temi più importanti trattati nei loro romanzi, con la lettura di alcune belle pagine da parte di Sara Giulivi.

Nel 2016 sono comparsi sugli scaffali delle librerie due bei romanzi che parlano di e agli adolescenti: in maggio l’editore Rizzoli ha presentato I pesci devono nuotare di Paolo Di Stefano, e in ottobre, per i tipi dell’editore Gabriele Capelli, è uscito Anche i bruchi volano di Daniele Dell’Agnola.

I due autori, lo stesso 30 marzo, animeranno due incontri con gli allievi di terza e di quarta delle scuole medie di Locarno I (ore 10.00, Via Varesi) e con gli allievi di terza delle scuole medie di Locarno II (ore 13.30, Via Chiesa).

I libri

Paolo Di StefanoI pesci devono nuotare, 2016, Rizzoli, 304 p., ISBN 978-88-17087-69-8

Telbana, Egitto: in questo piccolo paese a nord est del Cairo, dove il colore dei campi si fonde col rosso delle case incompiute e dei vicoli sterrati, vive Selim. Suo padre gli ha insegnato il rigore e il senso di sacrificio, negandogli i desideri: «Devi allungare i piedi fino a dove c’è la coperta». Ma Selim è tenace e non si accontenta della vita che il destino gli ha riservato, e così, con l’incoscienza e la forza dei suoi diciassette anni, attraversa il deserto e la Libia, fino a raggiungere il mare e imbarcarsi per l’Italia. Dopo fatiche, stenti e preghiere sussurrate, il viaggio lo conduce in Sicilia, insieme a centinaia di migranti in cerca di sogni. Il suo è il più grande e ambizioso: vuole un riscatto dall’infanzia che si è lasciato alle spalle, parlare l’italiano meglio degli italiani, costruirsi un futuro. È una strada tortuosa, che sembra impossibile, ma Selim non si arrende e, tra cadute e risalite, cerca il proprio posto in una Milano che non regala niente a nessuno. Selim non è solo. Dentro e accanto alla sua vita ne scorrono altre, meno luminose ma altrettanto esemplari: la dolce Marlene, il ruvido Raymon, l’amico Tawfik e alcuni misteriosi angeli protettori. In un mondo che cambia velocemente alziamo barriere per difenderci da ciò che non conosciamo. Paolo Di Stefano, con questa storia vera che ha le sue radici nella cronaca di tutti i giorni ma che ci trasporta lontano, in un viaggio sorprendente, racconta i sentimenti, le scoperte e le emozioni di chi sta dall’altra parte di quel muro. Di chi ha imparato un principio universale: i pesci devono nuotare.


Daniele Dell'Agnola, Anche i bruchi volano, 2016, Gabriele Capelli Editore, 128 p., ISBN 978-88-97308-38-6

In un quartiere ai margini della città vive Felix, dodicenne in affanno, iperattivo e ribelle. Ama la cultura, odia la scuola e Marcello Porcello, figlio del pediatra che gli somministra metilfenidato come fosse cioccolata. Si rifiuta di frequentare la scuola, così è seguito da un’orda di psicologi, pedagogisti, medici e specialisti che lui definisce i “draghi drugugubri”. Un giorno incontra Alice, misteriosa ragazzina piuttosto vivace. Con lei e altri amici vivranno una metamorfosi grazie ad avventure e tragedie, alle prime esperienze sessuali e al desiderio di scontrarsi, misurarsi… volare.

Gli autori

Paolo Di Stefano (Avola, 1956) è inviato speciale del «Corriere della Sera». È autore di numerosi romanzi tra cui Baci da non ripetere (1994), Azzurro troppo azzurro (1996, Premio Grinzane Cavour), Tutti contenti (2003, Superpremio Vittorini e Superpremio Flaiano), Aiutami tu (2005, SuperMondello), La catastròfa (2011, Premio Volponi), Giallo d’Avola (2013, Premio Viareggio-Rèpaci), Ogni altra vita (2015, Premio Bagutta), I pesci devono nuotare (2016).

Daniele Dell’Agnola, classe 1976, è docente alla SUPSI, insegnante di italiano alle medie, autore di romanzi, tra i quali Melinda se ne infischia (2008), Baciare non è come aprire una scatoletta di tonno (2014, con pièce teatrale tradotta in francese e tedesco), Anche i bruchi volano (2016). Ha ideato per il «Corriere del Ticino» la rubrica di narrativa Il bidello Ulisse, che è diventato un format su Teleticino, dove presenta libri per bambini e ragazzi.

Ospiti della serata

Image Ospiti della serata

Per maggiori informazioni

Dipartimento formazione e apprendimento
Centro di Didattica dell'italiano e delle lingue nella scuola
Piazza San Francesco 19
CH-6600 Locarno
T +41 (0)58 666 68 53
F +41 (0)58 666 68 19
dfa.dils@supsi.ch
st.wwwsupsi@supsi.ch