30 anni del Corso di laurea in Ingegneria informatica
16 novembre 2016
SUPSI, Campus Trevano, Aula Magna - ore 17:30
Il 16 novembre 2016 il Dipartimento tecnologie innovative della SUPSI celebrerà i primi 30 anni di Ingegneria informatica nel Cantone Ticino. In occasione di questo importante anniversario è stata organizzata una conferenza di Piergiorgio Odifreddi dal titolo "Visioni letterarie e miraggi informatici".

Programma

17:30 Interventi:

  • Manuele Bertoli, Consigliere di Stato e Direttore DECS, La formazione universitaria in Ticino
  • Alberto Petruzzella, Presidente del Consiglio SUPSI, Il contributo della SUPSI al territorio
  • Franco Gervasoni, Direttore Generale SUPSI, L'università dell'esperienza
  • Emanuele Carpanzano, Direttore Dipartimento tecnologie innovative SUPSI, e Sandro Pedrazzini, Responsabile del Corso di laurea in Ingegneria informatica, 30 anni di informatica

18:00 Intermezzo musicale a cura del Conservatorio della Svizzera italiana

18:15 Conferenza:

  • Piergiorgio Odifreddi, matematico, logico e saggista, Visioni letterarie e miraggi informatici

19:30 Rinfresco

Moderatore e relatore

Moderatore della serata: Giovanni Pellegri, neurobiologo e divulgatore scientifico

Relatore principale: Matematico, logico e informatico, nasce a Cuneo nel 1950. Studia matematica presso l’Università di Torino dove si laurea in logica nel 1973. Si specializza poi negli Stati Uniti e nella ex Unione Sovietica nella stessa materia, la logica, che insegna presso l’Università di Torino fino al 2007. È visiting professor presso diverse università estere.

La sua nutrita produzione letteraria spazia da saggi di divulgazione scientifica, filosofia, politica, religione e saggistica varia. Collabora con diverse riviste e con La Repubblica per la quale cura rubriche e un blog «Il non senso della vita 4.0». Ha al suo attivo circa 400 partecipazioni radiofoniche e 300 televisive tra cui la presenza fissa a Crozza Italia per due stagioni e a una edizione di Il senso della vita condotta da Bonolis. Ha uno stile pungente e analitico che gli permette di fornire visioni sempre inedite su temi scientifici e di attualità.

Tra le sue pubblicazioni: La Scienza espresso, Il computer di Dio, Il matematico impertinente, C’era una volta un paradosso, Storie di illusioni e verità rovesciate, C’è spazio per tutti, Il diavolo in cattedra e Le menzogne di Ulisse.

Visioni letterarie e miraggi informatici

La robotica è l’impresa di costruire macchine che simulino l’attività fisica dell’uomo. Come fece Dedalo, creando ali d’uccello per riuscire a volare, o Omero, che immaginò lo zoppo Vulcano nella sua fucina appoggiato ad ancelle semoventi, sino al film Metropolis di Fritz Lang e ai robot delle catene di montaggio.

L’impresa complementare alla robotica è l’intelligenza artificiale, che vuole invece simulare l’attività intellettuale dell’uomo. Anche qui la mitologia è antica: dalle macchine per giocare a scacchi del Settecento al computer HAL di 2001: Odissea nello spazio di Kubrick. La robotica e l’intelligenza artificiale confluiscono nel romanzo di Philip Dick dal quale fu tratto il film Blade runner.

Gli androidi della fantasia sono ormai indistinguibili dall’uomo, sia fisicamente che intellettualmente, ma quali sono veramente i limiti e le potenzialità dell’uomo artificiale?

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch