Inizio e fine di una presentazione. Due momenti per lasciare il segno
13 marzo 2018
Webinar - 12:30-13:30
Il Webinar ha lo scopo di analizzare e capire come alcuni relatori catturano il pubblico e lo trascinano in una storia la cui conclusione è inimmaginabile. Ogni occasione che si ha di parlare ad un partner professionale o ai propri colleghi o collaboratori è un’occasione nella quale lasciare il segno.

Presentazione

Nei primi minuti in cui un relatore prende la parola ci rendiamo conto se è il momento per prendere l’iPhone e iniziare a controllare la posta elettronica e inviare dei messaggi oppure farci coinvolgere e trasportare nell’avventura che ci prospetta l’oratore.
La prima frase, come l’ultima, di una presentazione deve essere seducente, toccare nel profondo del cuore, affascinare e provocare al tempo stesso. Il silenzio in aula decreta il successo.
«Qualcuno tra il suo impoverito ed affamato regime vorrebbe informare per favore (Kim) che anche io ho un Bottone Nucleare, ma il mio è molto più grande e più potente del suo e che il mio bottone funziona», ha cinguettato il presidente Usa replicando alle minacce lanciate dal dittatore nordcoreano nel discorso di Capodanno”. Un’affermazione che ha fatto il giro del mondo.
Insieme prenderemo in considerazione diversi discorsi di personaggi noti che iniziano e terminano in modo particolare. Un modo per raccogliere utili esempi dai quali trarre punto.

Relatore

Cristina Carcano, docente di Comunicazione e Scienze umane alla SUPSI. Svolge consulenze nell’ambito della comunicazione in aziende ed istituzioni. Già collaboratrice di Direzione al Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport del Cantone Ticino e Responsabile delle Pubbliche relazioni del gruppo Ciba Italia.

Iscrizione

È possibile iscriversi al seguente link. L'evento dà diritto ad 1 PDU - Leadership.

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch