Il Dipartimento tecnologie innovative in orbita con ALSat#1
04 ottobre 2018
Alcune testate giornalistiche locali lo hanno etichettato come “Un avvenimento senza precedenti”. Il 15 settembre 2018 ADAA (Associazione per la Divulgazione Astronomica e Astronautica) ha effettuato il primo test del nano-satellite denominato ALSat#1 a Ceriano Laghetto (Lombardia).
Image

Il test prevedeva il lancio a mezzo di un pallone sonda gonfiato ad elio di un primo prototipo del piccolo satellite che verrà effettivamente lanciato nello spazio nel 2019-2020.

La missione aveva il duplice scopo di provare la strumentazione di bordo di ALSat#1 e di misurare alcuni parametri atmosferici che verranno resi disponibili alle università, partner del progetto, per studi dedicati.

L’evento che ha coinvolto un folto pubblico, è stato reso possibile grazie alla collaborazione di ADAA con vari atenei e istituti tra cui il Politecnico di Milano, SUPSI-DTI e UCM e aziende partner (iMEX.A, Qbt, Microchip, Leafspace, Aerotech e Promec-in).

Nella fase di impostazione del progetto ALSat#1, ADAA ha chiesto la partecipazione del Dipartimento tecnologie innovative della SUPSI che, ricordiamolo,  è fra i pionieri mondiali dei satelliti studenteschi in formato CubeSat; con i propri studenti e lo staff ha sviluppato TIsat-1, messo in orbita con successo il 12 luglio 2010 dalla base di lancio indiana di Sriharikota in Andhra Pradesh e tutt’ora attivo.

Un primo contatto, concretizzato attraverso una visita di ADAA presso i laboratori del DTI, ha gettato le basi per la collaborazione che si è via via concretizzata.

Per il satellite da lanciare nello spazio nel 2019-2020, nell’ambito di progetti semestrali gli studenti in ingegneria elettronica del DTI stanno ora sviluppando il rivelare di raggi cosmici che permetterà di mettere in relazione radiazioni ed eventuali malfunzionamenti di un dispositivo microelettronico innovativo che si vorrà specificamente collaudare in ambiente spaziale. Un primo lavoro sul tema (SA 2017/2018) ha prodotto un prototipo che viene ora rivisto criticamente e ulteriormente sviluppato tenendo conto delle condizioni ostili che si incontreranno sull’orbita prevista.

I rappresentanti del DTI in seno al gruppo di lavoro ADAA sono l’ing. Paolo Ceppi e l’ing. Angelo Consoli
(ex membro, rispettivamente membro della Commissione federale per le questioni spaziali, CFQS).
 

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch