La SUPSI al Digital Day 2018
05 novembre 2018
Il Dipartimento tecnologie innovative (DTI) e il Dipartimento ambiente costruzioni e design (DACD) della SUPSI hanno preso parte al Digital Day, giornata che si è svolta in 12 città svizzere lo scorso 25 ottobre.
Image

Come può la digitalizzazione cambiare il modo di vedere il mondo? Qual è il suo impatto sulla vita quotidiana? Queste le domande alle quali hanno cercato di rispondere oltre 70 organizzazioni e istituzioni presenti alla giornata digitale 2018 in 12 città svizzere tra cui Lugano. La SUPSI ha aderito a questa iniziativa con alcune attività proposte dal Dipartimento tecnologie innovative e il Dipartimento (DTI) e il Dipartimento ambiente costruzioni e design (DACD).

La realtà virtuale a portata di mano con il Dipartimento tecnologie innovative
Il DTI ha presentato uno stand in Piazza Riforma in collaborazione con Fondazione Agire. Realizzato dall’Istituto sistemi informativi e networking (ISIN) con il supporto di HP, lo stand aveva l’obiettivo di mostrare il potenziale impatto delle nuove tecnologie sulla quotidianità delle persone. In particolare, i ricercatori dell’ISIN hanno mostrato l’applicazione pratica della realtà virtuale sviluppata nell’ambito di due progetti di ricerca condotti dal laboratorio di Audio-Visual Processing e Immersive Multimedia con vari partner della regione.

Il villaggio medievale di Tremona, Castello in realtà virtuale
La prima simulazione, frutto di un progetto di ricerca interamente sviluppato in Ticino, permetteva agli utenti di visitare interattivamente mediante realtà virtuale il parco archeologico di Tremona che con i suoi scavi ha riportato alla luce i resti di un antico villaggio medievale. Un’esperienza che permette di muoversi all’interno delle mura e lungo le strette strade del villaggio, interagendo con alcuni oggetti per scoprirne la storia.

Simulatore VR per ispezione scialuppa di salvataggio
La seconda simulazione proponeva un viaggio in una scialuppa all’interno di un ambiente virtuale 3D. L’utente ha il compito di ispezionare la scialuppa, di verificare lo stato delle varie parti e componenti, di sincerarsi del loro corretto funzionamento e di identificare eventuali malfunzionamenti.

Il laboratorio di cultura visiva scende in piazza al Digital Day
Dal canto suo, il Laboratorio cultura visiva della SUPSI ha presentato i progetti interattivi sviluppati nell’ambito della ricerca e i prototipi realizzati dagli studenti del Master of Advanced Studies in Interaction Design, il master annuale che combina la cultura del design con le nuove tecnologie, e sviluppati presso il FabLab, il laboratorio di fabbricazione digitale presso il Dipartimento ambiente costruzioni e design. In particolare, il laboratorio ha proposto i seguenti progetti e attività:

Progetto e attività: ETHAFA – kit per imparare l’elettronica con le storie
Il kit è composto da cinque personaggi interattivi e semplici componenti di elettronica e una scheda Arduino. I visitatori dello stand hanno potuto costruire il loro personaggio elettronico in diversi momenti della manifestazione.

Progetto e attività: SQUARE – kit per imparare i principi del pensiero computazionale
Tramite l’uso di piastrelle colorate, i bambini hanno potuto creare dei percorsi e le regole del gioco. Durante la manifestazione i bambini e anche gli adulti hanno giocato con SQUARE e imparato i concetti di base degli algoritmi.

Progetto: Dall’Africa e ritorno, macchina da disegno interattiva
Dall’Africa e ritorno è una macchina da disegno interattiva che mostra il viaggio delle rondini dal Ticino all’Africa. La macchina è stata realizzata dai ricercatori del Laboratorio cultura visiva in occasione della mostra xNature del Museo cantonale di storia naturale a Lugano.

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch