CAS Imposta sul valore aggiunto

La maggior parte delle forniture di beni e delle prestazioni di servizi sottostanno all’imposta sul valore aggiunto (IVA), il cui gettito rappresenta la più importante entrata finanziaria per la Confederazione. La gran parte delle imprese sono pertanto tenute ad adempiere obblighi legati alla riscossione di questo complesso tributo indiretto. Sin dalla sua introduzione nel 1995, l’IVA si è dimostrata essere un’imposta parecchio complessa e formale. Già dal 2005 sono pertanto state adottate una serie di misure per facilitare l’applicazione dell’imposta e, il 1. gennaio 2010, è entrata in vigore la nuova Legge sull’IVA. Nonostante i notevoli sforzi sia da parte del legislatore che dell’autorità amministrativa, per la sua stessa natura e le sue caratteristiche, l’IVA, la cui percezione avviene tra l’altro secondo il principio dell’autotassazione, rimane un’imposta la cui corretta applicazione richiede conoscenze solide e piuttosto approfondite. Oltre a riconoscere le prestazioni soggette all’imposta, è necessario infatti sapere quali sono le autorità competenti e le procedure applicabili. Particolarmente delicate sono poi le operazioni che presentano aspetti internazionali (importazioni ed esportazioni).

Per questo motivo, per l'anno accademico 2014/15, il Centro competenze tributarie della SUPSI ha concepito un corso specifico, della durata di 180 ore, che ha esaminato i temi fondamentali di questa imposta indiretta e la sua applicazione concreta. Il corso è stato strutturato in 5 moduli e le lezioni sono state tenute da docenti universitari, professionisti competenti e funzionari della stessa autorità fiscale, e hanno alternato nozioni teoriche a esercitazioni pratiche.

Ad oggi, non è prevista una seconda edizione.

st.wwwsupsi@supsi.ch