Buona riuscita per il meeting SUPSI dedicato agli orientatori scolastici e professionali cantonali: presentate le principali novità in ambito formativo e i risultati dell’indagine occupazionale SUPSI 2012
28 gennaio 2013
Manno
Si è tenuto venerdì scorso 25 gennaio il meeting degli orientatori scolastici e professionali organizzato dalla Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI) e dall'Ufficio dell'orientamento scolastico e professionale del Cantone Ticino. Un incontro voluto dalle due istituzioni per permettere agli orientatori cantonali di aggiornarsi sulle offerte formative della SUPSI.

In un momento di profondi e continui mutamenti nel mondo universitario e professionale, con l’aumento delle possibilità di scelta dei percorsi formativi e dei ruoli lavorativi, per gli orientatori è infatti necessario poter beneficiare di momenti di informazione dedicati. L’invito è stato quindi accolto con grande piacere dalla SUPSI che ha organizzato una giornata informativa durante la quale sono stati presentati i 20 corsi Bachelor e i 13 corsi Master offerti dalla scuola negli ambiti dell’architettura e delle costruzioni, del design, della formazione docenti, della tecnica e IT, della sanità, dell’economia, del lavoro sociale, della musica e del teatro.

Il meeting è stato aperto dai rappresentanti delle due istituzioni, Rita Beltrami, Direttrice dell’Ufficio dell'orientamento scolastico e professionale cantonale, e Enrico Rossi, responsabile del Servizio orientamento SUPSI, che, assieme ai responsabili dei percorsi formativi SUPSI, hanno accolto le orientatrici e gli orientatori.

Oltre alla presentazione delle possibilità formative, durante la giornata sono inoltre stati presentati i risultati della quinta edizione sistemica dell’indagine occupazionale realizzata dal Servizio orientamento SUPSI sui percorsi di inserimento professionale dei laureati della Scuola universitaria professionale.

I risultati confermano il trend positivo degli ultimi anni con 164 laureati occupati a un anno dalla laurea su un totale di 206 rispondenti, dei quali 8 hanno scelto di continuare gli studi. L’88% ha trovato un posto di lavoro in Ticino, il 10% in Svizzera interna e il restante 2% all’estero. Un altro dato significativo è il tempo di ingresso nel mondo del lavoro che per il 77% dei laureati è inferiore ai 4 mesi. I dati migliorano ulteriormente se si guarda la situazione occupazionale dei laureati SUPSI a tre anni dalla laurea dove su 179 rispondenti, 150 lavorano e 14 continuano gli studi.

La congiuntura non sembra così toccare le formazioni proposte dalla SUPSI, centrate sulla pratica, e attraverso le quali i contatti e le relazioni con le realtà professionali del territorio sono da sempre facilitate.

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch