Sarà il progetto Zenobia, dei ticinesi Simone Tocchetti e Luca Pessina, ad essere realizzato per il Campus USI – SUPSI di Lugano-Viganello
17 giugno 2013
Manno
Il Consiglio dell’USI e il Consiglio della SUPSI comunicano di aver interrotto la relazione contrattuale con il team Essentia, il cui progetto era risultato vincitore del concorso internazionale di architettura portato a termine nell’estate del 2011. Gli enti banditori hanno nel contempo deciso di affidare il compito di progettare e realizzare il progetto del nuovo edificio destinato al polo universitario a Lugano-Viganello agli autori del progetto secondo classificato nel concorso, e meglio al team guidato dagli architetti ticinesi Simone Tocchetti e Luca Pessina.

Il progetto, denominato Zenobia, aveva convinto la giuria dal profilo sia urbanistico che funzionale e rappresenta una soluzione di qualità per adempiere le complesse esigenze poste dal concorso per consentire lo sviluppo dell’USI e della SUPSI in prospettiva di medio e lungo termine.

La decisione di interrompere il rapporto contrattuale con il team Essentia è maturata durante la fase di allestimento del progetto di massima, ed è stata determinata dalla constatazione che il team non ha saputo risolvere tutta una serie di problematiche in modo adeguato e rispettoso delle esigenze stabilite nel programma del concorso, nel rapporto della giuria e nel contratto.

Il nuovo team di progettisti inizierà a lavorare nelle prossime settimane. La realizzazione dell’opera è programmata a partire dal 2016 e le prime attività nei nuovi spazi sono previste con l’anno accademico 2018/2019.

Per informazioni

Albino Zgraggen, segretario generale dell’USI, albino.zgraggen@usi.ch; tel.: 058 666 46 03
Franco Gervasoni, direttore della SUPSI, franco.gervasoni@supsi.ch, tel.: 058 666 60 14

st.wwwsupsi@supsi.ch