CLARA: la giacca intelligente sviluppata da quattro diplomati SUPSI che rende le strade più sicure
09 novembre 2015
Una start-up ticinese formata da quattro studenti diplomati alla SUPSI ha recentemente brevettato un’innovativa giacca per ciclisti munita di frecce direzionali e luci di frenata. Anche la prestigiosa rivista Forbes ha dato risalto a questa nuova azienda di successo (vedi link nel box "Maggiori informazioni").

CLARA Swiss Tech è l’innovativa start-up ticinese che si sta facendo onore nel mondo. Il progetto, nato da quattro studenti neodiplomati presso il Dipartimento tecnologie innovative (DTI) della SUPSI, ha portato a brevettare una rivoluzionaria Smart Jacket in grado di migliorare la visibilità dei ciclisti e la sicurezza di tutti gli utenti della strada. La start-up, dopo aver preso parte con successo ad un pitch contest organizzato dal Centro Promozione Start-up, è stata selezionata come una delle migliori 218 finaliste nel celebre acceleratore per start-up Mass Challenge presente a Londra, Boston ed Israele durante il quale si sono sfidati più di 2’200 progetti provenienti da tutto il mondo. Tra poche settimane, i diplomati SUPSI parteciperanno al Swiss Academia-Industry Training (AIT) Camp 2015 a Bangalore organizzato da EPFL, venturelab e Swissnex India, dopo essersi classificati tra le 15 migliori proposte.

Fondatori del progetto sono quattro giovani studenti e diplomati presso il DTI della SUPSI: Marco Dal Lago, ingegnere gestionale e studente del Master of science (MSc) in Engineering; Paolo Cunzolo, ingegnere elettronico e studente MSc in Engineering; Gian Mattia Pettinato ingegnere elettronico e Gianluca Costante, ingegnere informatico e studente MSc in Engineering. Al team made in SUPSI si sono aggiunte nel tempo altre figure che hanno permesso di sviluppare ulteriormente il progetto: Gianluca Cottiati, studente del MSc in Banking and Finance presso l’Università di San Gallo, Piero Gasparini e Antonio Casarin, imprenditori e business developers di Lugano.

La Smart Jacket nasce dalla volontà di trovare una soluzione all’alto rischio di coinvolgimento in incidenti stradali di ciclisti e pedoni, soprattutto in condizioni di scarsa visibilità ed in prossimità di incroci. Infatti la giacca sviluppata aumenta la visibilità dei ciclisti grazie all’integrazione di frecce direzionali e sensori di frenata intelligenti. Il funzionamento di CLARA Smart Jacket è semplice e pratico: quando il ciclista decide di svoltare, può indicare le sue intenzioni agli altri utenti della strada, attivando la freccia desiderata integrata nella giacca grazie a una levetta wireless posta sul manubrio della bicicletta. Inoltre, i sensori incorporati permettono di rilevare automaticamente le frenate del ciclista e di illuminare di rosso tutte le luci presenti nella giacca, consentendo così agli altri utenti della strada di rilevare più rapidamente il cambio di velocità ed evitare improvvisi tamponamenti. Infine, quando l’utente scende dal sellino può accendere manualmente le frecce della giacca grazie ad un apposito bottone interno, rendendo così l’indumento adatto anche ad altri utilizzi quali il jogging e le passeggiate.

Il prototipo funzionante è già stato prodotto. Nel futuro prossimo i creatori della start-up daranno il via ad una campagna crowdfunding per finanziare il progetto con l’obiettivo di lanciare la giacca sul mercato ticinese ed internazionale a partire da maggio 2016.
 

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch