Nuova ricerca



e-mobiliTI - Penetrazione della mobilità elettrica individuale in Ticino: un approccio partecipativo

Acronimo e-mobiliTI

Abstract La diffusione dei veicoli elettrici rappresenta oggi l?opzione più promettente per la conversione energetica e l?abbandono delle energie fossili nel settore della mobilità e, in generale, per il cambiamento verso una società più sostenibile. A livello ticinese, le limitazioni di autonomia dei veicoli elettrici non dovrebbero costituire teoreticamente un limite alla loro diffusione, soprattutto se si considera che in Ticino il 74% degli spostamenti quotidiani è inferiore a 10 km. La diffusione dei veicoli elettrici è tuttavia ostacolata da barriere mentali radicate e da pregiudizi nei confronti delle loro prestazioni ed è inoltre frenata da un investimento iniziale importante che richiede un lasso di tempo di diversi anni per l?ammortamento rispetto a un veicolo a combustione interna. In questo quadro, il presente progetto si prefigge di indagare il processo di adozione dei veicoli elettrici per rispondere alle esigenze quotidiane di mobilità e per capire quanto l?uso dei veicoli elettrici sia in grado di produrre un cambiamento della forma dominante di mobilità. A questo scopo, si propone un approccio partecipativo, basato sul coinvolgimento diretto di un gruppo di nuclei famigliari campione disposti a sottoporsi a monitoraggio degli spostamenti e a sperimentare nuove forme di mobilità. Lo ?stile di mobilità? dei nuclei famigliari sarà monitorato attraverso due fasi sperimentali: in un primo tempo saranno rilevati tutti gli spostamenti nella situazione attuale, in un secondo tempo saranno rilevati gli spostamenti a fronte dell?opportunità di utilizzare forme di mobilità più sostenibile (abbonamento mensile treno, abbonamenti a servizi di car-sharing e bike-sharing, biciclette elettriche, veicoli elettrici etc.), secondo un approccio statistico del tipo ?panel data analysis?. Nel corso delle sperimentazioni si combineranno un approccio quantitativo automatico (rilevamento mediante strumentazione GPS degli spostamenti effettuati con automobili, motoveicoli, biciclette, mezzi collettivi e a piedi) e un approccio qualitativo (discussione e confronto mediante in tavoli di lavoro), volto a indagare le motivazioni degli spostamenti e la scelta del mezzo di trasporto. Gli elementi che emergeranno consentiranno di individuare i fattori socio-culturali e infrastrutturali con cui supportare la transizione verso nuovi modelli di mobilità: le linee-guida che ne scaturiranno saranno a disposizione delle autorità cantonali e comunali nonché degli operatori del settore per l?implementazione diretta.

Enti SUPSI coinvolti Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale
Istituto sostenibilità applicata all'ambiente costruito
Istituto Dalle Molle di studi sull'intelligenza artificiale
Istituto sistemi informativi e networking

Persone coinvolte Luca Pampuri, Emiliano Soldini, Anna Foerster, Andrea Emilio Rizzoli, Roman Rudel, Pasqualina Cavadini, Davide Rivola, Giorgio Corani, Lorenzo Sommaruga

Responsabili Francesca Cellina

Data di inizio progetto 1 maggio 2012

Data di chiusura progetto 30 aprile 2014

Allegati allegato_al_progetto Asse 2_eMobiliTI (in inglese)

 
st.wwwsupsi@supsi.ch