AutoPlay
L’idea del progetto AutoPlay nasce dalla volontà di unire all’ergoterapia le competenze dell’Istituto sistemi informativi e networking (ISIN del DTI) per metterle al servizio dell’infanzia.

Attualmente, attraverso questa collaborazione, stiamo sviluppando uno strumento di misurazione per la primissima infanzia, il quale è composto da diversi giocattoli intelligenti dotati di appositi sensori che hanno lo scopo di valutare in modo oggettivo come i bambini tra i 9 e 15 mesi di età si approcciano all’attività ludica. Questa rilevazione è clinicamente interessante poiché dovrebbe permettere in futuro di riconoscere i bambini che presentano uno sviluppo atipico, quale ad esempio l’autismo.

AutoPlay è dunque un progetto ad alto impatto sociale poiché, se permette di individuare precocemente l’autismo (presente in circa 1 bambino su 100), cresce in maniera esponenziale la possibilità di diminuirne le conseguenze negative, grazie ad un intervento di qualità.

» Intervista a Emmanuelle Rossini-Drecq, responsabile del progetto AutoPlay

Image
st.wwwsupsi@supsi.ch