Interprofessional collaboration: how do health professionals interact with each other in collaborative practice situations?
Il progetto di ricerca è finanziato dal Fondo Nazionale Svizzero per la Ricerca all’Haute Ecole de Santé Vaud (HESAV) per il periodo 2016-2018 e si svolge nelle tre regioni linguistiche della Svizzera; la SUPSI vi partecipa e si occupa della ricerca nella Svizzera italiana. Esso è focalizzato sul tema della collaborazione interprofessionale (IPC) nelle istituzioni di cura.

Il termine IPC deriva da alcune definizioni internazionali e si può riassumere come la collaborazione tra diversi professionisti nelle attività che riguardano la cura del paziente ed il coinvolgimento di quest’ultimo nel suo percorso di cura. Nello specifico, con questo progetto, si vogliono osservare i fattori che facilitano o ostacolano l’IPC e le interazioni che avvengono tra i diversi professionisti in situazioni di pratica collaborativa (ad es. durante colloqui, visite, co-terapie o in situazioni informali). I setting di osservazione sono vari ed integrano istituzioni diverse in cui si possono analizzare situazioni di cura per patologie acute, croniche, riabilitative e sono distribuiti nella Svizzera francese, italiana e tedesca. La metodologia di ricerca è di tipo qualitativo e la raccolta dei dati avviene attraverso interviste semistrutturate, osservazioni dirette e videoregistrazioni. In questo modo si vogliono identificare i fattori facilitanti (approccio macro-sociale) ed osservare quali sono i meccanismi con cui questi fattori contribuiscono a formare pratiche collaborative (approccio micro-sociale). Per l’analisi dei video si usa “l’analisi conversazionale” che permette, dopo la scelta di momenti particolarmente rappresentativi dell’IPC, un’indagine approfondita delle interazioni.

Image
st.wwwsupsi@supsi.ch