Eventi e comunicazioni
"Water, Health, Migration”: viaggio tematico delle SUP svizzere in Etiopia
18 agosto 2017
Canobbio
Nell’ambito del progetto dei viaggi tematici di Swissuniversities, il Centro competenze Cooperazione e sviluppo SUPSI ha organizzato un viaggio studio dove 12 partecipanti di diverse SUP si sono confrontati su temi quali le migrazioni, la salute, l’importanza dell’acqua potabile e dei servizi igienici nel contesto di un paese in via di sviluppo.
Image

Nel mese di giugno 2017 ha avuto luogo l’ultimo viaggio all’interno del progetto “Themenreisen”, un’iniziativa di Swissuniversities volta a promuovere la dimensione internazionale in seno alle SUP svizzere. Dal 2016 Swissuniversities ha infatti organizzato, in collaborazione con la SEFRI e Swissnex, 8 diversi viaggi definiti secondo specifici ambiti di interesse, portando le diverse delegazioni tematiche composte da ricercatori, professori, docenti, professionisti e staff delle diverse SUP in differenti regioni e aree mondiali. Oltre alla possibilità di vedere realtà diverse da quelle svizzere riguardo un determinato tema, i viaggi sono stati un’ottima opportunità per i partecipanti per conoscere meglio i colleghi delle altre scuole professionali, potendo così confrontarsi sulle loro aree di competenza (ma non solo) e scambiare best practices.

Image

Oltre ad aver partecipato ad ogni viaggio con 1-2 rappresentanti, SUPSI ha avuto l’onore di poter essere in prima linea per il viaggio conclusivo in Etiopia, il quale è stato organizzato dal nostro Centro competenze Cooperazione e sviluppo  SUPSI e che ha visto l’adesione di 12 partecipanti provenienti da tutta la Svizzera.

Il viaggio ha avuto come meta la capitale Addis Abeba e una cittadina universitaria dell’altipiano etiope, Jimma. I temi affrontati in quei 8 giorni hanno spaziato dalle migrazioni, alla salute, all’importanza dell’acqua potabile e dei servizi igienici nel contesto di un paese in via di sviluppo. Si tratta di temi focali per la Direzione dello sviluppo e della cooperazione svizzera, presente ad Addis Abeba con un ufficio che coordina le operazioni umanitarie per tutto il Corno d’Africa, che comprende oltre all’Etiopia pure la Somalia, l’Eritrea e il Sud Sudan. Si tratta dei paesi fra i più vulnerabili del continente africano, toccati da guerra civile, e nel 2017 da un’imperversante carestia dovuta alla mancanza di precipitazioni. Una fetta importante del flusso migratorio verso l’Europa proviene proprio da questa regione.
 

Image

Il programma di viaggio ha permesso ai partecipanti di conoscere e confrontarsi con le attività promosse dalla cooperazione svizzera nel Corno d’Africa visitando direttamente l’Ambasciata svizzera ad Addis Abeba. Diverse visite hanno avuto luogo direttamente sul terreno: in diversi centri dove vengono assistiti migranti della regione, infrastrutture idriche per l’approvvigionamento della popolazione urbana e rurale, ospedali nonché attività artistiche, come il piccolo Fekat Circus di Addsi Abeba gestito da un’ONG locale a scopo sociale.

Image

Il viaggio ha dato modo ai partecipanti di instaurare e/o consolidare contatti accademici sia per progetti di ricerca che di formazione e di poter conoscere in prima persona situazioni descritte da ONG e professionisti che operano da anni sul campo. L’Etiopia sta assumendo una dimensione focale anche per la SUPSI negli ultimi anni, specialmente per il Dipartimento Ambiente Costruzioni e Design. Da tre anni infatti, un gruppo di studenti di architettura del DACD si reca in Etiopia dove svolge un workshop di costruzione sostenibile con giovani professionisti e studenti locali. L’ultima edizione del Workshop, nel 2017, ha avuto luogo nel Campus universitario della Cittadina di Hawassa, nella Rift Valley etiope. Gli studenti si sono cimentati con la costruzione di un tetto in bambù per una scuola-asilo. Da anni vi sono inoltre diversi ricercatori attivi nei settori del Fotovoltaico, presso l’Università di Arba Minch e del WaterSanitation&Hygiene presso l’Università di Jimma. Quest’ultima rappresenta un partner importante del Consortium for Education and Research in WASH,  composto da 7 istituti accademici svizzeri, fra cui EAWAG, Tropical Institute e altri e in cui SUPSI è capofila.

A breve dovrebbe essere stilato un Memorandum of Understanding fra la SUPSI e l’Università di Hawassa, con l’obbiettivo di  promuovere ulteriormente le attività nel settore della formazione e della ricerca.

Image

Ogni viaggio ha mantenuto un filo diretto con la Svizzera e le SUP grazie al il blog di swissuniversities, attraverso cui è stato fatto un diario virtuale delle esperienze fatte in questo ultimo anno e mezzo.

st.wwwsupsi@supsi.ch