Eventi e comunicazioni
L’agenzia nazionale Movetia in visita in Ticino per parlare di mobilità
17 ottobre 2017
Manno
Il 21 settembre Movetia ha colto l’occasione della visita presso il Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport per visitare SUPSI ed i colleghi dell’International Office. Il tema della giornata è stata l’importanza degli scambi e della mobilità per la Svizzera italiana e in generale per tutti gli studenti in Svizzera.
L’agenzia nazionale Movetia in visita in Ticino per parlare di mobilità
Image

Il direttore generale Franco Gervasoni e Nadia Bregoli, delegata per le relazioni internazionali, hanno presentato al direttore Olivier Tschopp, ad Amanda Crameri, responsabile del settore Istruzione superiore e a Christophe Bettin, Capo del settore Scuola media superiore, formazioni professionale e attività giovanili extrascolastiche una panoramica della realtà SUPSI con particolare accento sulla strategia 2017-2020 e sul concetto e progetti legati all’internazionalità presso la nostra istituzione. Sono state inoltre presentate dal team dell’International Office e dal gruppo mobilità SUPSI le attività specifiche legate alla mobilità e agli scambi nonché alcuni progetti di ricerca. La discussione si è poi focalizzata sull’importanza della mobilità non solo internazionale ma anche nazionale, favorita dal plurilinguismo svizzero, nonché sulle sfide a cui gli atenei svizzeri sono attualmente confrontati in ambito di mobilità estera sia per la formazione che per la ricerca.

Questi temi sono stati ripresi anche durante l’incontro con Manuele Bertoli; aspetti quali l’italianità, la necessità di attività più mirate legate a mobilità brevi anche all’interno del paese, la mobilità e lo scambio sono stati discussi durante il pomeriggio a Bellinzona.

Image

È possibile avere maggiori informazioni e dettagli sulla visita istituzionale dall’articolo Ticino, quando essere una minoranza linguistica mette le ali ai piedi! pubblicato sul sito di Movetia in cui si afferma che “Il Ticino è il «campione svizzero» delle mobilità individuali nell’ambito della formazione professionale e nel livello terziario non è da meno. A questo proposito, dispone di una certa esperienza e di strutture d’inquadramento che ne danno piena conferma”

st.wwwsupsi@supsi.ch