Eventi e comunicazioni
Investimenti immobiliari sostenibili
04 dicembre 2017
Giovedì 30 novembre 2017, Francesco Frontini e Giovanni Branca, entrambi docenti-ricercatori dell’Istituto sostenibilità applicata all'ambiente costruito della SUPSI nel settore degli edifici, hanno partecipato all’evento organizzato da Swiss Sustainable Finance al Centro Studi Bancari di Vezia sul tema della sostenibilità nel settore immobiliare. Ne è emerso come il maggior potenziale di risparmio energetico risieda nel parco immobiliare esistente e come investimenti di risanamento siano necessari al fine di preservare il valore di tali edifici in un contesto di mercato e di sviluppo tecnologico favorevoli.

A livello globale circa il 40% delle emissioni di CO2 sono prodotte nel settore immobiliare. Per poter raggiungere gli obiettivi fissati dalla Strategia energetica 2050 (riduzione del 30% delle emissioni di CO2 entro il 2030), che saranno resi operativi già dall’anno prossimo dalla nuova legge, il parco immobiliare esistente gioca un ruolo fondamentale. In effetti, gli edifici costruiti prima del 1980, per la maggior parte ancora non risanati, rappresentano ca. il 70% della totalità del parco immobiliare svizzero.
L’investimento in edifici energeticamente efficienti non è solo essenziale per il rispetto del nostro ambiente e della nostrà società, ma può essere oggi più che mai favorevole anche dal punto di vista economico. Questo è quanto emerso durante il convegno “Investimenti immobiliari sostenibili: creare valore a lungo termine per gli investitori” svoltosi presso il Centro Studi Bancari di Vezia giovedì 30 novembre 2017.

La sostenibilità in ambito edilizio nel lungo periodo può tradursi in una reddittività globale maggiore. Tanto è vero che gli immobili sostenibili anche alle nostre latitudini cominciano ad attirare sempre più l’attenzione degli investitori. Anche dal punto di vista degli acquirenti e dei locatari si registra una maggiore sensibilità alla riduzione delle spese accessorie e alla qualità del costruito.
La consapevolezza della popolazione come anche degli adetti ai lavori sta quindi crescendo rapidamente anche grazie allo sviluppo di nuove tecnologie che permettono di ridurre i consumi migliorando il comfort e l’attrattività degli spazi abitativi.

Al momento i presupposti per investimenti immobiliari sostenibili sono favorevoli: i tassi di interesse si attestano oggi più che mai ai minimi storici, i costi dei combustibili tradizionali sono destinati ad aumentare e il mercato immobiliare denota una domanda che fatica a coprire l’offerta soprattutto nel segmento degli edifici a reddito, con prezzi di mercato che fanno segnalare un assestamento dopo un lungo periodo di crescita.

In questo contesto chi è alla ricerca di un alloggio in locazione o in vendita avrà una maggiore scelta rispetto al passato. Il sucesso dei futuri investimenti immobiliari dipenderà anche dalla capacità di differenziarsi valorizzando le possiblità legate all’impiego di nuove tecnologie e modelli economici sostenibili.


Per maggiori informazioni:
SUPSI
Istituto sostenibilità applicata all'ambiente costruito
Campus Trevano, Via Trevano
CH-6952 Canobbio
http://www.supsi.ch/isaac 

Francesco Frontini
T +41 (0)58 666 63 20
francesco.frontini@supsi.ch

Giovanni Branca
T +41 (0)58 666 62 33
giovanni.branca@supsi.ch

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch