Eventi e comunicazioni
Teleriscaldamento in Ticino: una soluzione vantaggiosa dal punto di vista energetico, ambientale ed economico
15 gennaio 2018
SUPSI, Dipartimento ambiente costruzioni e design, Istituto sostenibilità applicata all’ambiente costruito
L’utilizzo di reti di teleriscaldamento per riscaldare edifici abitativi e commerciali è una realtà che si diffonde sempre più anche in Ticino. Quanti sono oggi gli impianti di questo tipo alle nostre latitudini? Esistono degli incentivi a favore di chi sceglie questa soluzione per riscaldare il proprio edificio? Quali sono i pro e i contro?

Il teleriscaldamento è una tipologia di riscaldamento che consiste essenzialmente nella distribuzione a distanza di acqua calda, acqua surriscaldata o vapore verso gli utenti (abitazioni/industrie/edifici pubblici, ecc). Centralizzando la produzione di calore, che viene effettuata da un unico impianto maggiormente efficiente, l’energia viene utilizzata in maniera razionale e permette di ridurre l’impatto ambientale e le emissioni di CO2.

Una rete di teleriscaldamento può di principio utilizzare tutte le fonti energetiche; la scelta solitamente dipende da alcuni fattori, come la disponibilità e il costo della fonte scelta o il relativo impatto ambientale. Alle nostre latitudini i sistemi più idonei sono le caldaie a legna/cippato, le pompe di calore, i cogeneratori a gas, gli scarti termici.

In Ticino le reti di teleriscaldamento sono almeno 21. Tra queste la maggior parte è caratterizzata da caldaie a cippato (15), quelle che utilizzano il gas sono 4, una sfrutta il calore ambiente e una i rifiuti. Gli allacciamenti complessivi alle reti sono oltre 300. Il 71% è riscaldato grazie a impianti a cippato, il 19% dai rifiuti e il 10% con il gas o dal calore ambiente.

Gli studi di fattibilità per le reti di teleriscaldamento, così come la loro realizzazione e gli allacciamenti di edifici alle stesse, sono sostenuti finanziariamente dal Cantone tramite incentivi. L’Istituto sostenibilità applicata all’ambiente costruito esegue l’analisi preliminare, necessaria per realizzare una rete di teleriscaldamento al fine di definire l’idoneità di questa soluzione alla situazione territoriale locale.

Il 25 gennaio 2018, si terrà a Bienne la 17esima edizione del "Forum du chauffage à distance" in occasione del quale ci si interrogherà sulla tematica del teleriscaldamento e sulle prospettive future.

 
Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch