Eventi e comunicazioni
Successo per la conferenza "L'involucro solare, tra alterazione e coesistenza nell'equilibrio dei luoghi"
15 luglio 2019
La SUPSI, con il supporto dell'Ufficio federale dell'energia (UFE), di SvizzeraEnergia e Hochparterre AG, ha organizzato un evento sul tema dell’energia solare il 5 luglio 2019 a Lugano-Canobbio. Il tema dell'evento è stato l'integrazione dell'energia solare negli edifici storici e il recupero energetico degli edifici costruiti, mediante l’utilizzo di sistemi solari fotovoltaici integrati nell’architettura (BIPV). Durante la giornata, il tema del solare sul patrimonio costruito esistente è stato in primo piano e nella conferenza, come anche nella tavola rotonda, sono stati coinvolti architetti, ricercatori, produttori, associazioni di categoria e uffici cantonali preposti alla tutela del paesaggio e dei beni culturali. Per l’occasione sono anche state presentate la rivista Solaris #03 di Hochparterre AG e la piattaforma web www.solarchitecture.ch.

L'evento è stato organizzato con il supporto del progetto di ricerca Interreg V-A Italia-Svizzera “BIPV meets History”, supportato dal Cantone Ticino e co-finanziato dall’Unione Europea (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale), dallo Stato Italiano e dalla Confederazione elvetica per la parte Svizzera.  Equilibrio tra trasformazione e conservazione come anche tradizione e tecnologia solare, ecco il tema che si intende approfondire per creare una filiera transfrontaliera e un lavoro di squadra fra ricerca, industria, progettisti e istituzioni.

All’evento hanno partecipato 72 persone tra professionisti (25%) e rappresentanti delle istituzioni pubbliche (15%), R&D (22%), imprese del sistema industriale e aziende legate al settore dell’energia, del solare e delle costruzioni (18%), nonché gestori immobiliari e rappresentanti del sistema economico locale e transfrontaliero (13%) e privati cittadini (7%).
 

Image
Zoom

Francesco Frontini, responsabile del Settore Sistema Edifici dell’Istituto sostenibilità applicata all’ambiente costruito della SUPSI, ha aperto la giornata con i saluti istituzionali e un accenno alla tematica di fondo e Axel Simon di Hochparterre ha presentato il nuovo magazine sul solare Solaris #03, voluto da SvizzeraEnergia per sensibilizzare i professionisti sul tema ambientale e l’utilizzo delle energie rinnovabili. A seguito, Andrea Roscetti, ingegnere e fisico della costruzione e docente all’Accademia di Architettura dell’Università della Svizzera Italiana è intervenuto con una valutazione critica della situazione attuale in Ticino e in Lombardia sull’approvvigionamento energetico e ha presentato anche le modalità d’intervento attuali nel parco immobiliare. Risanare, revitalizzare e, ricostruire sono aspetti che permettono diverse modalità di intervento sul costruito, dove la pelle dell’edificio ha un grande potenziale caratterizzante dei luoghi, parlando nello specifico del ruolo dell’involucro nelle costruzioni odierne. In seguito, Pierluigi Bonomo, responsabile del gruppo di ricerca sul solare dell’Istituto sostenibilità applicata all’ambiente costruito, e Daniel Herrera, senior researcher dell’Istituto Eurac Research di Bolzano, hanno presentato l’innovazione odierna nei prodotti solari fotovoltaici presenti sul mercato e specifici per l’integrazione negli edifici (sistemi BIPV) mostrando al pubblico diverse esperienze di ricerca tra cui i progetti Interreg "BIPV meets History" e “Atlas”, entrambi legati alle attività dell’ Agenzia Internazionale dell’Energia IEA-SHC Task 59/EBC Annex 76 riguardanti la tematica dell’utilizzo del solare nell’edilizia storica. Infine, l’architetto Karl Viriden (Viridén+Partner AG) ha presento le innovazioni e best practices in ambito BIPV in Svizzera mostrando alcuni esempi di realizzazioni nel risanamento energetico di edifici con sistemi solari integrati sia in facciata che in copertura con moduli innovativi e colorati.

In coda all’evento, nella tavola rotonda, moderata da Cristina Polo, ricercatrice all’ISAAC e responsabile del progetto Interreg V-A BIPV, il tema a dibattito è stato l’integrazione del solare nei contesti sensibili ed edifici storici, l’equilibrio tra trasformazione e conservazione, tra tradizione e tecnologia solare e innovazione. Si è stabilito un dialogo aperto tra il pubblico i rappresentanti delle istituzioni cantonali del Ticino e della Regione Lombardia, e i diversi attori del territorio sul potenziale di risanamento del parco immobiliare esistente e sulle opportunità d'integrazione del solare anche negli edifici storici, anche col supporto mediatico per raccogliere informazioni utili sull’argomento.

Alla tavola rotonda hanno preso parte, oltre ai relatori Andrea Roscetti (USI) e Daniel Herrera (EURAC, Italia), Luisa Pedrazzini, dirigente della struttura Territorio e Protezione Civile Paesaggio di Regione Lombardia, e membro dell’Action Group 7 EUSALP; Natasha Rosselli, collaboratrice al Dipartimento del Territorio, Repubblica e Cantone Ticino, Ufficio dell'aria, del clima e delle energie rinnovabili UACER; Miriam Ferretti, collaboratrice al Dipartimento del territorio, Ufficio dei beni culturali UBC; Laura Bordonzotti, Responsabile Settore insediamenti, Dipartimento del Territorio, Ufficio della natura e del paesaggio e Kim Bernasconi, come rappresentante dei professionisti del settore solare, consulente energetico e fondatrice di Greenkey Sagl.

La giornata è stata ricca di spunti di riflessione e un primo passo di collaborazione fra ricerca, industria, progettisti e istituzioni che serve a creare una filiera transfrontaliera e favorire nuovi mercati nonché per sensibilizzare e promuovere l’energia solare sfruttando le peculiarità e le singolarità dell’architettura locale per l’equilibrio dei luoghi.
 

Image
Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch