Storia
L’insegnamento dell’elettronica in Ticino nasce dallo stimolo di alcuni docenti dell’allora Scuola Tecnica Superiore (STS) che, grazie anche ad alcune misure di promozione della Confederazione, nel 1994 fecero partire il ciclo di studi di elettrotecnica con due indirizzi: telecomunicazioni e automazione. Il laboratorio di microelettronica MICROSWISS nacque subito dopo e contemporaneamente iniziarono le prime attività di ricerca applicata con aziende esterne.
A partire dall’anno scolastico 1997-1998 il ciclo di studi in elettrotecnica, assieme a quello in informatica, venne fatto confluire nel Dipartimento Informatica e Elettrotecnica della neo-costituita Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana. 
 
Mediante l’acquisizione di progetti si potenziarono le competenze in microcontrollori e microprocessori e in particolare nell’elaborazione digitale dei segnali e nei sistemi a funzionalità programmabile (FPGA). Si aggiunsero inoltre attività di ricerca nell’automazione, nel controllo, nella sensorica, nelle telecomunicazioni e nell’alta frequenza. 
 
Nel 2007 venne costituito l’istituto ISEA integrando i tre laboratori - Laboratorio di microelettronica, bioelettronica e sensorica (LMBS), Laboratorio sistemi meccatronici (SMT) e Laboratorio telecom telemetria e alta frequenza (TTHF), a cui si aggiunse nel 2014 il Laboratorio sistemi integrati biomedicali (LSIB).
 
La nascita dell'Istituto ha permesso un migliore sviluppo delle attività di ricerca applicata sui sistemi elettronici e una più ampia, qualificata e multidisciplinare offerta di programmi nel ciclo di studi in elettronica.
Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch