SABIK
Sistema anti-intrusione autoalimentato per recinzioni
Image
Il problema della sicurezza è all'ordine del giorno. Per prevenire le effrazioni, gli edifici vengono sempre più spesso dotati di videocamere e sistemi di antiintrusione e di allarme cablati che hanno dei limiti in fatto di privacy e di costi. 
 
Il progetto SABIK, finanziato dalla Commissione per la tecnologia e l'innovazione (CTI, ora Innosuisse), consiste nello sviluppo di un sistema antiintrusione composto da una rete di sensori autoalimentati innovativi in grado di rilevare eventuali avvicinamenti (algoritmo distribuito) ed intrusioni (algoritmo di autoapprendimento) nel perimetro protetto. Grazie agli algoritmi innovativi il sistema è in grado di discriminare tra effettive effrazioni e disturbi provocati da agenti esterni come pallonate, caduta di rami sulla rete come pure avvicinamenti di persone. Il sistema non necessita di nessun cablaggio (autoalimentazione e trasmissione wireless) rendendolo idoneo per essere installato anche su recinzioni esistenti. 

Partner di progetto

Image Partner di progetto
Fratelli Albertolli SA
CH - 6817 Taverne  

Progetto finanziato da

Image Progetto finanziato da
CTI, Commissione per la tecnologia e l'innovazione
CH - 3003 Bern 
st.wwwsupsi@supsi.ch