Idrogeologia e limnologia
Ricerca e formazione per una gestione sostenibile delle risorse idriche.

La gestione delle risorse idriche è fondamentale in una società in espansione e con un’occupazione del territorio sempre più conflittuale.

Le acque sotterranee e le acque interne assicurano l’approvvigionamento per l’uso potabile, industriale e agricolo.
Il settore idrogeologia e limnologia dell’Istituto scienze della Terra vanta un’esperienza pluriennale nella fornitura di servizi di consulenza in materia di protezione e gestione delle risorse idriche. È inoltre attivo in campagne di monitoraggio e progetti di ricerca, sia a livello nazionale che internazionale orientati ad aumentare la conoscenza tecnica a favore di un loro uso sostenibile.

Monitoraggio e protezione delle risorse idriche

Il settore in questione conduce campagne di monitoraggio, con cadenza mensile, promosse dalla Commissione Internazionale per la Protezione delle Acque Italo – Svizzere (CIPAIS). Le informazioni ricavate da tali indagini consentono un’analisi, costante nel tempo, della qualità chimica e biologica delle acque del lago di Lugano e dei suoi tributari. Vengono inoltre monitorate la qualità e la quantità delle acque del bacino alpino del Lago Nero nonché i livelli piezometrici nei principali acquiferi del Cantone Ticino, in modo tale da seguire l’evoluzione dello stato delle risorse. In aggiunta, il settore idrogeologia e limnologia fornisce consulenze per enti privati e per l’Amministrazione cantonale in materia di applicazione della Legge per la protezione delle acque, Ordinanza sulla protezione delle acque e Legge per la protezione dell’ambiente.

Ricerca e cooperazione allo sviluppo

Il gruppo collabora con università, amministrazioni pubbliche e aziende private, sia a livello nazionale che internazionale, per la realizzazione di progetti di ricerca indirizzati alla salvaguardia dell’ambiente e alle sue risorse. I temi di ricerca comprendono l’applicazione integrata degli isotopi e delle tecniche geofisiche allo studio del ciclo idrologico nelle aree di montagna, la cartografia della vulnerabilità delle acque sotterranee nelle regioni carsiche del Caribe e flussi biogeochimici dei gas a effetto serra in ambienti lacustri, e la pianificazione dello sfruttamento delle risorse idriche in aree di aridità estrema. I paesi nei quali si è operato sono: Chad, Indonesia, Saint Lucia, Barbados, Cuba.

Modelli matematici

Lo sfruttamento sostenibile delle risorse idriche implica una conoscenza accurata delle fonti quali acquiferi, laghi e fiumi. Prevedere come loro reagiranno ai cambiamenti naturali (pioggia, temperatura, evapotraspirazione) o antropogenici (pompaggio, prelievi) è fondamentale nell’ottica di una gestione attenta delle acque. L’Istituto Scienze della Terra, e attivo nell’applicazione di modelli matematici che consentono di modellare il comportamento dei sistemi naturali, e di sviluppare scenari futuri.

Cartografia della vulnerabilità

La vulnerabilità delle acque sotterranee è una proprietà intrinseca delle stesse, che sostanzialmente esprime la loro sensibilità rispetto agli impatti naturali e antropici. La valutazione della vulnerabilità delle risorse idriche, soprattutto nelle zone carsiche, è quindi essenziale per la salvaguardia della loro qualità a lungo termine. Una valutazione della vulnerabilità consente, infatti, ai pianificatori di gestire il territorio tenendo conto della presenza nel sottosuolo delle risorse idriche ed evitando conflitti con attività potenzialmente dannose.

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch