Eventi e comunicazioni
Workshop - Potenziare visibilità ed efficacia della cooperazione allo sviluppo attraverso Wikipedia e le licenze libere
18 marzo 2016
SUPSI, Dipartimento ambiente costruzioni e design, Campus Trevano
Il Laboratorio cultura visiva della SUPSI organizza un workshop gratuito indirizzato a studenti e professionisti che si svolgerà il 18 marzo 2016. Questo workshop vuole permettere a studenti e professionisti di potenziare visibilità ed efficacia della cooperazione allo sviluppo imparando ad utilizzare Wikipedia e le licenze libere come strumenti di comunicazione e condivisione dei contenuti.

La comunicazione dei progetti di cooperazione e sviluppo attraverso Wikipedia e le licenze libere permette di raggiungere un vasto pubblico e generare un impatto sulla conoscenza e percezione che le persone hanno della realtà.

Wikipedia e le licenze libere sono due strumenti di comunicazione estremamente potenti. Wikipedia è l’enciclopedia più consultata e la piattaforma collaborativa più utilizzata del web, redatta in 290 lingue e con oltre 500 milioni di lettori. Le licenze libere sono autorizzazioni che permettono a testi, immagini e video di essere distribuiti, modificati e utilizzati su Wikipedia e altre piattaforme.

Questo workshop ha l’obiettivo di:

  1. raggiungere un pubblico più ampio aumentando la visibilità delle attività e della missione delle organizzazioni di cooperazione allo sviluppo;
  2. contribuire a far conoscere in modo più strutturato e ricco a livello mondiale il contesto e la situazione dei paesi in cui sono coinvolte le organizzazioni; 
  3. contribuire a superare gli stereotipi attraverso un pubblico più informato;
  4. partecipare a sostenere sempre nuove ricerche attraverso i propri dati e le informazioni raccolte dalle organizzazioni.

Partendo dalla questione dell'accesso alle informazioni, i diritti di copyright e le licenze libere, i partecipanti apprenderanno passo per passo l’uso e la combinazione di licenze di Creative Commons per potenziare la visibilità ed efficacia della cooperazione e sviluppo, nonché i diversi modi per contribuire a Wikipedia. Il percorso formativo è strutturato in lezioni frontali, testimonianze e visualizzazioni durante la mattinata, mentre nel pomeriggio i partecipanti lavorano in gruppo per applicare le tecniche acquisite e progettare una strategia di comunicazione dei loro progetti. La lingua del corso è l’italiano.

Destinatari: Studenti, ricercatori e professionisti nel campo della cooperazione e sviluppo, organizzazioni no-profit ticinesi, membri Fosit, project managers in cooperazione e sviluppo.
Durata: 6 ore
Data: 18 marzo 2016
Orari: 9.00-12.00, 13.30-16.30
Luogo: SUPSI, Campus Trevano, aula A203 (Blocco A, 2. piano)
Costo: Gratuito
Iscrizioni: asta.adukaite@usi.ch

Per maggiori informazioni:
Marta Pucciarelli.
marta.pucciarelli@supsi.ch
 

Programma

9.00-9.45
Anna Picco: Che cosa sono i copyright e la regolamentazione svizzera sul diritto d’autore

9.45-10.30
Iolanda Pensa: Licenze libere e le diverse forme d’utilizzo e combinazione

10.30-10.45
Coffee break

10.45-11.30
Florence Devouard: Different ways to contribute to Wikipedia (in English)

11.30-12.00
Giovanni Profeta: visualizzare l’impatto globale degli articoli di Wikipedia

12.00-13.30
Pranzo

13.30-15.00
Dario Crespi / Ilario Valdelli coordineranno i lavori di gruppo

15.00-15.30
Coffee break

15.30-16.30
Presentazione dei lavori dei partecipanti

Relatori

Anna Picco-Schwendener è ricercatrice presso l’eLearning Lab (eLab - www.elearninglab.org) dell'Università della Svizzera italiana (USI). Laureatasi nel 2002 in Tecnologie della comunicazione presso la facoltà di Scienze della comunicazione dell'USI, Anna ha lavorato per diversi anni per un’importante azienda di trading d’acciaio (Duferco SA), dove si occupava della Intranet aziendale, oltre che di progettare e tenere corsi su vari programmi informatici. Dal 2010 lavora all’eLab su vari progetti legati alle tecnologie per l'educazione e l’insegnamento tra cui: “DICE” e “DICE+” (Digital Copyright in Education - www.diceproject.ch) per i quali ha tenuto varie attività di formazione, come seminari e workshops; “Competence Center in Digital Law” che ha come obiettivo di creare un centro di competenza per questioni legali che riguardano i media digitali, indirizzato a università e scuole universitarie Svizzere; e “OIKONET” (www.oikonet.org), un progetto Europeo che mira alla creazione di un network multidisciplinare di ricerca e apprendimento nel campo del “housing”. In parallelo sta svolgendo il suo dottorato di ricerca presso la facoltà di scienze della comunicazione sull'utilizzo delle reti Wi-Fi negli spazi pubblici.

Iolanda Pensa è ricercatore alla SUPSI Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana. È stata direttore scientifico di “WikiAfrica: Aumentare la qualità e quantità dei contenuti africani su Wikipedia” e “Share Your Knowledge: Creative Commons e Wikipedia per le istituzioni culturali” e principal investigator dei progetti di ricerca “Il paesaggio culturale alpino su Wikipedia", "Fondazioni svizzere e licenze aperte” e “Wikipedia Primary School”. È un contributore di Wikipedia dal 2006, socio di Wikimedia Italia e Wikimedia CH, attiva nell’organizzazione del concorso Wiki Loves Monuments, e responsabile generale di “Wikimania Esino Lario” il raduno mondiale di Wikipedia sulle Alpi a giugno 2016. http://iopensa.it.

Florence Devouard, collaboratrice scientifica presso il Laboratorio di Cultura Visiva (DACD, SUPSI). Florence Devouard si occupa di comunità online, dinamiche partecipative, condivisione del sapere e del bene comune nella società dell’informazione. In SUPSI, lavora sul progetto “Wikipedia Primary School” come moderatrice della comunità di Wikipedia, nella produzione e valutazione di articoli di Wikipedia legati al curriculum delle scuole primarie Sud Africane. Dal 2004 al 2008 ha sostituito Jimmy Wales nella presidenza della Wikimedia Foundation, di cui è tuttora membro del consiglio consultivo. Nel 2004, è tra i membri fondatori di Wikimedia France, per il quale detiene la carica di vice-presidente del consiglio di amministrazione. Nel 2008 ha fondato la consulenza Anthere, come trainer e stratega su questioni relative alla gestione della conoscenza, i social media, e wiki-style. Dal 2013 è co-responsabile di progetti presso l’Africa Center (Cape Town) che mirano alla produzione di contenuti sull’Africa su Wikipedia, tra cui Wiki Loves Africa, Kumusha Takes Wiki, Wiki loves Women. Florence Deveouard è anche membro del comitato scientifico di Ynternet.org (Svizzera), e un ex membro del comitato di selezione dell’Agence Nationale pour la Recherche (ANR).

Giovanni Profeta consegue la laurea in Comunicazioni Visive e Multimediali presso l'Università IUAV di Venezia. Ha collaborato con varie digital agency sviluppando progetti negli ambiti del web design e della pubblicazione digitale. Presso il Laboratorio cultura visiva - Interaction Design Lab della SUPSI, sviluppa progetti di ricerca applicata focalizzati sulla visualizzazione dei dati e l'interaction design. È stato inoltre docente dei corsi di web design presso il Bachelor SUPSI in Comunicazione Visiva. Attualmente sta conducendo il dottorato di ricerca in Design presso il Politecnico di Milano.

Ilario Valdelli: informatico e digital humanist, collabora con Wikimedia Svizzera dal 2006, fa parte della comunità tecnica di Wikimedia Foudation e segue i progetti tecnici, culturali ed educativi per la Svizzera in lingua italiana.
 
Dario Crespi, project manager per il progetto "Wikimania Esino Lario – protagonismo culturale offline e online" e coordinatore regionale di wikimedia Italia per la Lombardia.
 

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch