Risanare in modo efficiente e sostenibile il parco immobiliare esistente, in particolare gli edifici storici e di pregio
20 ottobre 2020
SUPSI, Dipartimento ambiente costruzioni e design, Istituto sostenibilità applicata all’ambiente costruito
La SUPSI lavora per supportare le misure del “Pacchetto ambiente – parte energia e clima” presentato dal Dipartimento del territorio del Cantone Ticino lo scorso 6 ottobre 2020, raccogliendo esempi di buone pratiche e soluzioni tecniche, per risanare gli edifici storici e il parco immobiliare esistente, integrando le energie rinnovabili in modo sostenibile e rispettoso per l’ambiente.

Lo scorso 6 ottobre 2020 è stato presentato in Ticino il "Pacchetto ambiente - parte energia e clima", volto a mettere a disposizione dei cittadini maggiori risorse per accelerare il cambiamento necessario per raggiungere una società al 100% rinnovabile tramite un incremento degli investimenti nel settore dell’energia e del clima.
Nella conferenza stampa, organizzata dal Dipartimento del territorio, sono state presentate le misure che a livello cantonale, a partire dal 2021, contribuiranno alla protezione dell'ambiente. Tre messaggi - licenziati dal Consiglio di Stato nella seduta del 1 ottobre 2020 - che riguardano la modifica della legge cantonale sull’energia dell’8 febbraio 1994 (Len), il rinnovo del Fondo per le energie rinnovabili (FER) e il messaggio in merito al programma cantonale di incentivi energetici.

Gli edifici, ormai è cosa nota, sono oggi responsabili del 40% del consumo di energia mondiale, e la domanda di energia potrebbe aumentare del 50% entro il 2050, mentre il tasso di risanamento degli edifici rimane ancora molto inferiore al 2% (UFE, Rapporto annuale del Programma Edifici 2016), anche se dal 2010 il “Programma Edifici” della Confederazione e dei Cantoni, si è rivelato uno strumento efficace per attuare misure energetiche, nel parco immobiliare Svizzero e negli ultimi anni sono aumentati in particolare i “risanamenti sistemici", vale a dire risanamenti completi unici, in fasi più ampie con molteplici interventi (UFE, Rapporto annuale del Programma Edifici 2018). Ma qual è il modo appropriato per rendere più efficienti e rispettosi con l’ambiente i nostri edifici e salvaguardare in particolare gli edifici storici e l’ambiente naturale, aumentando la quota delle energie rinnovabili?

La SUPSI ci sta lavorando e dimostra che è possibile conservare edifici del passato in modo rispettoso della loro essenza e al contempo migliorarne l'efficienza energetica. Due progetti di ricerca attualmente in corso affrontano proprio questa tematica e offrono esempi già realizzati in Svizzera su come approcciare la questione.

Il progetto Interreg Alpine Space ATLAS, di cui l’Istituto sostenibilità applicata all’ambiente costruito (ISAAC) della SUPSI è partner, è stato presentato sul canale d’informazione Euronews tramite un interessante reportage che evidenzia come nella regione alpina sia possibile rinnovare edifici storici per ottenere il comfort moderno senza tuttavia alterare lo charme dell’edificio come anche l’identità del paese e dell’intera regione. Altri esempi di buone pratiche si stanno documentando nei diversi paesi europei in una piattaforma on-line, HiberAtlas, messa a disposizione dall’ Agenzia Internazionale dell’Energia e del gruppo di lavoro della IEA-SHC Task 59 / EBC Annex 76, per tutta la comunità internazionale.
Inoltre, l’integrazione dei sistemi solari e di energia rinnovabile fotovoltaica viene affrontata nel progetto transfrontaliero Svizzera – Italia, BIPV meets History, ed esempi interessanti sono già stati presentati con il contributo dei ricercatori dell’ISAAC della SUPSI.,

Documentazione disponibile:
Video e rapporto completo "Le regioni alpine proteggono l'ambiente senza danneggiare il patrimonio" qui: https://www.euronews.com/2020/08/03/alpine-regions-protect-the-environment-without-damaging-heritage
Articolo “Risanamento energetico del patrimonio storico” pubblicato sulla rivista Espazium di Archi (08/2020): https://www.espazium.ch/it/archi4-20_patrimonio

Specifiche attività e corsi dedicati a professionisti come anche un evento on-line dedicato ai membri delle pubbliche amministrazioni e delle municipalità, saranno svolti nei prossimi mesi per attirare l’attenzione sull’importanza di risanare in modo efficiente e sostenibile il parco immobiliare esistente e in particolare gli edifici storici e di pregio.

Informazioni e contatti
Dr Arch. Cristina S. Polo López
Researcher – Innovative Building Envelope Team
Swiss BiPV Competence Center

T +41 (0)58 666 63 14
F +41 (0)58 666 63 49
cristina.polo@supsi.ch
www.bipv.ch

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch