Esposizione - Premio d'architettura beton 2009
14 gennaio 2011 - 04 febbraio 2011
Dipartimento ambiente costruzioni e design, Blocco A, Atrio, Canobbio, ore 18.00
L'inaugurazione dell'esposizione è prevista per il 14 gennaio 2011, alle ore 18.00, presso il Campus di Canobbio. Onnipresente e moderno, il calcestruzzo, o cemento armato, ha influenzato in forma durevole l'architettura novecentesca più di ogni altro materiale da costruzione.

La plasmabilità del calcestruzzo fa sì che esso sia anche un materiale creativo che ha stimolato e continuerà a stimolare la fantasia dei progettisti; alla sua semplicità materica fanno riscontro la bravura e la passione necessarie ai progettisti per trarne esiti architettonici esteticamente convincenti.

A maggior ragione, perciò, dal 1977 chi organizza il premio d’architettura beton punta a mostrare l’abilità particolare di architetti, ingegneri ed esecutori di progetti presentando edifici in calcestruzzo che fungano da esempio e da modello.

Se gli otto concorsi precedenti hanno spesso dimostrato con opere stupende l’ottima sensibilità degli architetti svizzeri all’uso di questo materiale, gli edifici partecipanti al concorso attuale – mai tanto numerosi: 124! – confermano in modo suggestivo l’alto livello raggiunto dall’architettura svizzera in campo cementizio.

Dall’ampio ventaglio delle opere candidate la giuria del premio d’architettura beton 09 ne ha scelte cinque il cui carattere spiccato le rende esemplari.

Il vincitore dell’anno 2009 è l’architetto Valerio Olgiati con le sue 3 opere:
- Nationalparkzentrum, Zernez
- Atelier Bardill, Scharanz
- Haus K+N, Wollerau

Ulteriori premi sono stati dati allo studio di architettura Burkhard Meyer per la “Berufsschule BBB in Baden” e allo studio Gmür & Steib per la “Wohnüberbauung Paul-Clairmont-Strasse in Zürich”.

La realizzazione dell’allestimento della mostra è stata curata dall`architetto Ute Brillinger.

Al termine dell'inaugurazione sarà servito un rinfresco.

Per ulteriori informazioni contattare:
Ute Brilliger
T +41 (0)58 666 6341
ute.brillinger@supsi.ch

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch