Ripercussioni del lockdown Covid-19 sull’ambiente
10 settembre 2020
SUPSI, Dipartimento ambiente costruzioni e design, Istituto scienze della Terra, Aula Magna, Campus Trevano
L’Istituto scienze della Terra del Dipartimento ambiente costruzioni e design SUPSI, propone un simposio pubblico sulle ripercussioni ambientali legate alla diminuzione dell’attività umana durante il lockdown Covid-19. Gli interventi di tre ricercatori attivi sul territorio mostreranno alcune reazioni del sistema Terra a una breve riduzione dell’inquinamento e della presenza umana nell'ambiente.
Riduzione della concentrazione di biossido di azoto sull'Europa prima e dopo il lockdown. (©ESA) 
Riduzione della concentrazione di biossido di azoto sull'Europa prima e dopo il lockdown. (©ESA) 

Il silenzio. Animali selvatici sotto casa. Cieli tersi senza scie di aerei. L’Himalaya visto dalle pianure dell’India. Immagini satellitari di un’Europa con poco inquinamento atmosferico. Durante il lockdown Covid-19 le testimonianze e le immagini della bellezza di un pianeta Terra meno contaminato hanno fatto il giro del mondo. Tre mesi di drastica riduzione dell’inquinamento sono pochi, ma c’è da riflettere.

L’evento è pubblico e gratuito.
È richiesta un’iscrizione al seguente link: www.supsi.ch/go/simposio-ist

Informazioni e contatti

Filippo Schenker
filippo.schenker@supsi.ch
 +41 (0)58 666 6230

Programma

17:40
Benvenuto del direttore dell’Istituto scienze della Terra, Christian Ambrosi.
 
17:45
Covid-19 e ecosistema Terra
Mauro Tonolla, responsabile del Laboratorio di microbiologia applicata SUPSI.
 
18:00
L’impatto del lockdown sulle condizioni macro- e micrometeorologiche e sulla qualità dell’aria in Ticino
Marco Gaia, responsabile Centro regionale sud, MeteoSvizzera, e Ivan Maffioli, collaboratore scientifico dell’Ufficio dell’aria, del clima e delle energie rinnovabili del Canton Ticino.

18:45
Liberati o a rischio? La fauna selvatica durante il lockdown
Francesca Cagnacci, ricercatrice in ecologia applicata alla Fondazione Edmund Mach, Centro di Ricerca e Innovazione (Trentino) e coordinatrice scientifica del progetto EUROMAMMALS.

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch