In vigore da settembre 2022 importanti misure finanziarie a sostegno della formazione in ambito sanitario
18 marzo 2022
Mercoledì 23 febbraio 2022 il Parlamento cantonale (Gran Consiglio) ha approvato il messaggio PRO SAN 2021-2024 scaturito dal lavoro di un gruppo costituito da rappresentanti delle scuole sanitarie, dal Dipartimento della sanità e della socialità (DSS) e dal Dipartimento dell'educazione, della cultura e dello sport (DECS). Le decisioni definite avranno un rilevante e positivo impatto sulle condizioni di formazione anche degli studenti dei Bachelor dell’area sanità della SUPSI già a partire dal mese di settembre 2022.

L‘iniziativa PRO SAN 2021-2024 prevede sette importanti misure operative e finanziarie per incrementare il personale formato nelle professioni socio-sanitarie. Le misure approvate e descritte di seguito entreranno in vigore a partire da settembre 2022 e avranno un diretto e rilevante impatto anche sugli studenti dei Bachelor SUPSI in Cure infermieristiche, Ergoterapia e Fisioterapia grazie a interventi di ordine finanziario a sostegno della formazione terziaria.

Le principali misure contenute nel messaggio a sostegno della formazione

  1. Allineamento e adeguamento delle indennità per allieve e allievi SSS (Scuola specializzata superiore) e SUPSI durante la formazione: per gli studenti della SUPSI ciò comporterà una remunerazione mensile, anche al di fuori dei periodi di stage, come già avviene per gli studenti della Scuola specializzata superiore in Cure infermieristiche (SSSCI). La misura entrerà in vigore in modo progressivo e prevedrà i seguenti compensi:
    a.    Studenti 1° anno: indennità tra 700.- e 900.- CHF
    b.    Studenti 2° anno: indennità tra 850.- e 1’000.- CHF
    c.    Studenti 3° anno: indennità tra 1'050.- e 1'100.- CHF
     
  2. Introduzione di un nuovo assegno di formazione terziaria che comporterà per le allieve e gli allievi del settore socio-sanitario la copertura del minimo vitale durante la formazione, nel caso in cui vi fosse un fabbisogno scoperto nonostante il salario mensile (il Gran Consiglio ha deciso di proporre gli assegni allo studio fino all’età di 62 anni)

Oltre alle misure di ordine finanziario a sostegno delle allieve e degli allievi durante la formazione sono stati definiti altri interventi di ordine organizzativo/strategico volti all’ampliamento dei posti di stage pratico e al miglioramento delle condizioni per le strutture che si impegnano ad accompagnare gli studenti: entrata in attività dell’Unità di coordinamento stages socio-sanitari (UCSS); adozione dell’obbligo formativo per enti del settore socio-sanitario con l’adattamento a livello cantonale del “Modello bernese”; creazione del Polo cantonale di simulazione (quale ampliamento dell’attuale Centro di simulazione CeSi) come centro di eccellenza per la formazione di base e continua nell'ambito medico-sanitario.

Ulteriori misure, infine, mirano a favorire la prevenzione dell’abbandono precoce della professione e il rientro nel circuito socio-sanitario di persone che hanno lasciato per diverse ragioni.

Maggiori dettagli su tutte le misure previste dal messaggio PRO SAN 2021-2024 verranno comunicate nei prossimi mesi.

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch