CAS Case Management
Come rispondere sempre più adeguatamente alla diversificazione delle situazioni complesse nell’area socio-sanitaria?
Il problema rilevante è quello della frammentazione dei servizi: ogni servizio risponde alle necessità con proposte appropriate ma gli interventi spesso risultano poco strutturati e integrati fra loro, con una conseguente perdita di efficacia, un aumento dei costi e la diminuzione della soddisfazione dei clienti.

Il Case Management prevede un approccio olistico per interpretare i bisogni della persona attraverso l’integrazione delle visioni del soggetto, delle sue persone significative e di tutti i professionisti coinvolti; consente di coordinare i diversi interventi e di connettere fra loro persone, istituzioni e modelli operativi coinvolgendo tutti gli attori dello scenario, che si presenta sempre più diversificato e con alta specializzazione.

Il ruolo del case manager

Image Il ruolo del case manager

Il significato della funzione di case manager per gli operatori del sociale a cura di Ennio Ripamonti, responsabile del CAS Case Management e docente al Bachelor in Lavoro sociale.

» Guarda il video

Destinatari

La formazione si rivolge a professionisti nei settori sociale, sanitario, assicurativo, di impiego o formazione, che beneficiano di un’ampia esperienza professionale nel settore pubblico o privato.
Per il lavoro sociale: assistenti sociali, consulenti sociali, educatori coinvolti nella gestione di casi complessi, tutori, orientatori e consulenti delle assicurazioni sociali, malattia e infortuni, consulenti per l’impiego e per l’integrazione professionale. Per la sanità: infermieri che lavorano a domicilio, nei centri diurni, che si occupano di trasferimenti e dimissioni, che lavorano a stretto contatto con altri settori come la salute mentale, l’area dell’handicap, delle famiglie problematiche, dei minori difficili. Infermieri che lavorano in degenze ospedaliere che intendono migliorare le pratiche relative alle dimissioni e ai trasferimenti (“infermieri di legame”).
Il CAS è aperto anche a tutti/e i/le professionisti/e della riabilitazione (fisioterapisti, ergoterapisti, psicomotricisti, logopedisti, ...), a dietiste/i, farmacisti/e e medici interessati ad approfondire la tematica.

Requisiti

Attestato di frequenza al corso, con una presenza minima dell'80% del monte-ore totale del corso, o previo superamento della prova di certificazione finale rilascio del Certificato CAS in Case Management.

Video testimonianza

Image Video testimonianza

L'esperienza di Valentina Mena, assistente sociale.

» Guarda il video

Image

L'esperienza di Veronica Palermo, Case Manager.

» Guarda il video

Obiettivi

  • Gestire processi di consulenza, supporto e cura complessi dove incertezza e numero delle variabili in gioco sono elevati
  • Praticare e sviluppare nel contesto operativo una gestione di casi di alta qualità mirata al rafforzamento delle capacita e del potenziale di azione degli utenti
  • Collaborare allo sviluppo di programmi di intervento che coinvolgono attivamente durante l’intero processo d’utenza e i diversi professionisti della rete dei servizi e istituzioni presenti nel contesto

Programma

Il CAS si articola in 3 moduli che sviluppano e approfondiscono i principi e gli aspetti metodologici più innovativi dell’approccio del
Case Management:

Modulo 1: Metodologia del Case Management (52 ore-lezione)
Date: 24 (pom.), 25 gennaio; 28, 29, 30, marzo; 27, 28 aprile 2022
Relatori: Carlo De Pietro, Michel Del Bue, Pierre Gobet, Spartaco Greppi, Tiziana Madella, Claudia Marabini, Alessandra Marconi, Veronica Palermo, Cesarina Prandi, Daniela Rossini, Ennio Ripamonti

Modulo 2: Case Manager promotore e sviluppatore del potenziale individuale e di comunità (56 ore-lezione)
Date: 29 aprile; 23, 24, 25 maggio; 20, 21 giugno; 3 ottobre 2022
Relatori: Francisca A. Cintas, Ersilia Gianella, Alessandra Marconi, Barbara Masotti, Enrica Massardi, Sabrina Revolon, Ennio Ripamonti

Modulo 3: Le tecniche relazionali per la conduzione e costruzione del caso
(56 ore-lezione)
Date: 4, 5 ottobre; 7, 8, 9 novembre; 5, 6 dicembre 2022
Relatori: Elidia Bianchi, Barbara Castelli, Mauro Doglio, Graziano Meli, Cesarina Prandi, Sabrina Revolon

Chiusura corso:
Preparazione lavori di certificazione (8 ore lezione)
Data: 7 dicembre 2022
Confronto sui progetti di certificazione, bilancio e conclusione del corso
(8 ore-lezione)

Data: 30 gennaio 2023
Relatori: Cesarina Prandi, Sabrina Revolon, Ennio Ripamonti e altri docenti intervenuti nel percorso formativo

Durata

Dal 24 gennaio 2022 al 30 gennaio 2023.
180 ore-lezione d'aula (22,5 giornate di 8 ore-lezione) + 200 ore di studio e sviluppo del progetto di certificazione finale.

Date

  • 24 (pomeriggio), 25 gennaio 2022
  • 28, 29, 30, marzo 2022
  • 27, 28, 29 aprile 2022
  • 23, 24, 25 maggio 2022
  • 20, 21 giugno 2022
  • 3, 4, 5 ottobre 2022
  • 7, 8, 9 novembre 2022
  • 5, 6, 7 dicembre 2022
  • 30 gennaio 2023

Orari

Dalle 9.00 alle 12.15 e dalle 13.15 alle 16.30.

Metodologia didattica

Fortemente partecipativa, ancorata alla realtà e in grado di sviluppare processi di trasferimento interprofessionale nella pratica quotidiana.
Saranno garantiti durante tutto lo svolgimento:
- Laboratori di confronto su situazioni e problematiche concrete
- Laboratori per l’approfondimento e la sperimentazione del processo di Case Management

Relatori

  • Andrea Banfi, LM Sociologia, LM Filosofia, docente SUPSI, già responsabile di servizi sociali territoriali e di prossimità
  • Elidia Bianchi, assistente sociale EOC
  • Martine Bouvier Gallacchi, medico, caposervizio Ufficio promozione e valutazione sanitaria
  • Barbara Castelli, assistente sociale ARP
  • Anna Celio, consulente sociale, docente SUPSI DEASS Lavoro sociale, già coordinatrice del Servizio di consulenza e progettazione della Fondazione Sirio
  • Francisca Anaja Cintas, Assistant Professor Public Health and Community Health Nursing, Community Nurse, Faculty of Nursing and Chiropody, University of Valencia
  • Carlo De Pietro, professore SUPSI, economista, responsabile MAS Gestione area sanità
  • Michel Del Bue, case manager CSS
  • Mauro Doglio, counsellor, formatore, docente SUPSI, presidente dell’Istituto Change di Torino
  • Ersilia Gianella, avvocato, dottore in diritto, ispettrice alla Camera di protezione
  • Pierre Gobet, Professeur HES honoraire. Esperto nell’area del Case Management a livello svizzero
  • Spartaco Greppi, professore e responsabile ricerca dell’area Lavoro sociale SUPSI DEASS
  • Tiziana Madella, capo settore antenna sociale/Ufficio famiglie e giovani Città di Mendrisio, Coach SUPSI
  • Claudia Marabini, pedagogista, consulente e formatrice per organizzazioni pubbliche e private, Studio APS di Milano. Formatrice e supervisore di équipe di Servizi per la Prima infanzia
  • Alessandra Marconi, infermiera di famiglia e di comunità ed esperta clinica in salute mentale e psichiatria, ALVAD
  • Barbara Masotti, docente ricercatrice CCA SUPSI
  • Enrica Massardi, infermiera, responsabile mobilità DEASS e docente SUPSI
  • Graziano Meli, infermiere, MSc. Ed.
  • Veronica Palermo, case manager Helsana
  • Cesarina Prandi, professore Teoria e prassi delle relazioni di cura SUPSI, esperta nei progetti di territorio e assistenza domiciliare
  • Sabrina Revolon, infermiera, specialista clinico in geriatria e gerontologia e in gestione sanitaria, da oltre 20 anni lavora nelle cure domiciliari nel nostro Cantone ricoprendo ruoli clinici e di gestione
  • Ennio Ripamonti, psicosociologo e formatore, docente SUPSI esperto di animazione di comunità
  • Daniela Rossini, case manager Helsana
  • Elisa Sberna, infermiera con MSC, ACD Mendrisio
  • Angelo Tomada, collaboratore scientifico Ufficio promozione e valutazione sanitaria
  • Alessandra Viganò, infermiera con MSC, direttrice sanitaria ALVAD

Saranno coinvolti esperti del territorio e dei settori della pratica.

Responsabili dei moduli

  • Cesarina Prandi, professore Teoria e prassi delle relazioni di cura SUPSI, esperta nei progetti di territorio e assistenza domiciliare
  • Ennio Ripamonti, psicosociologo e formatore, docente SUPSI esperto di animazione di comunità

Costo

CHF 4'600.-

È previsto uno sconto del 10% per i soci di SUPSI Alumni, ASI, ASE e Physioswiss.

Certificato

Attestato di frequenza al corso, con una presenza minima dell'80% del monte-ore totale del corso, o previo superamento della prova di certificazione finale rilascio del Certificato CAS in Case Management.

Crediti di studio

15 ECTS

Iscrizioni

Iscrizione online entro il 12 novembre 2021.

Candidature pervenute oltre i termini verranno prese in considerazione in funzione del numero di preiscrizioni al corso.

Osservazioni

L’ottenimento del titolo CAS in Case Management (15 ECTS) insieme al titolo CAS in Continuità delle cure nei luoghi di vita (10 ECTS) porta al conseguimento del Diploma of Advanced Studies (DAS) in Infermiere di famiglia e di comunità, con la frequenza ad un modulo specifico sul ruolo professionale (5 ECTS) e l’elaborazione del lavoro
finale di diploma (5 ECTS).

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch