Nominati quattro nuovi professori alla SUPSI
30 ottobre 2020
Manno
Il Consiglio della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), nella sua seduta del 15 ottobre, ha nominato quattro nuovi Professori. Questi importanti riconoscimenti premiano la loro competenza scientifica, il valore dell’attività didattica e la qualità dei progetti di ricerca e sviluppo che hanno contraddistinto il loro percorso accademico e professionale.

I titoli professorali sono stati conferiti a:

  • Francesco Flammini, Professore in Sicurezza dei sistemi autonomi.
  • Linda C. van der Gaag, Professoressa in Sistemi probabilistici per il supporto alle decisioni
  • Massimo Botta, Professore in Design dell’interazione.
  • Fabio Lepori, Professore in Ecologia acquatica applicata.

Queste nomine costituiscono un prezioso arricchimento per la SUPSI in termini di competenze, progettualità e possibilità di stabilire reti di collaborazione, a favore dei propri studenti e dei partner del territorio.
La SUPSI si congratula con i propri nuovi professori.

Francesco Flammini – Professore in Sicurezza dei sistemi autonomi

Image Francesco Flammini – Professore in Sicurezza dei sistemi autonomi

Francesco Flammini ha ottenuto la laurea con lode in Ingegneria Informatica (2003) ed il Dottorato di Ricerca in Ingegneria Informatica e Automatica (2006) presso l’Università di Napoli Federico II. Dal 2020, è professore ordinario di informatica con specializzazione sui sistemi cyber-fisici presso la Mälardalen University (Svezia). Ha avuto esperienze professionali e di ricerca sia nel mondo industriale (tra cui Ansaldo STS, Poligrafico dello Stato italiano) che in quello accademico (tra cui University of Maryland University College Europe, Linnaeus University). È attualmente membro Senior dell’IEEE, presidente del comitato tecnico IEEE SMC sulla Homeland Security, e coordinatore delle conferenze per l’iniziativa IEEE Digital Reality. È autore di oltre 100 pubblicazioni scientifiche su libri, riviste e atti di congressi internazionali. I suoi interessi di ricerca più recenti riguardano l’autonomia sicura e la resilienza dei sistemi cyber-fisici intelligenti. Il Prof. Flammini sarà attivo presso il Dipartimento tecnologie innovative della SUPSI in qualità di Responsabile del Bachelor in Data Science and Artificial Intelligence, nonché nell’ambito di progetti di ricerca inerenti le sue aree di competenza.

Linda C. van der Gaag – Professoressa in Sistemi probabilistici per il supporto alle decisioni

Image Linda C. van der Gaag – Professoressa in Sistemi probabilistici per il supporto alle decisioni

Linda C. van der Gaag ha studiato matematica all’Università tecnica di Delft, nei Paesi Bassi, e in seguito ha conseguito il dottorato di ricerca presso l'Università di Amsterdam nel 1990. Dopo aver ottenuto la cattedra di assistente e professore associato presso l'Università di Utrecht, è stata nominata professoressa ordinaria presso la stessa università nel 2000 e ha ricevuto una cattedra ad honorem presso l'Università di Aberdeen, in Scozia. Nello stesso anno le è stata assegnata la prestigiosa borsa di studio PIONIER dalla Netherlands Science Foundation. Nel 2007 è stata eletta Fellow EurAI dall'Associazione Europea per l'Intelligenza Artificiale. Dopo aver prestato servizio per diversi anni come capo del Dipartimento di Scienze dell'Informazione e dell'Informatica dell'Università di Utrecht, nel giugno 2019 è entrata a far parte dell’Istituto Dalle Molle di studi sull'Intelligenza Artificiale a Lugano dove seguirà diversi progetti di ricerca realizzati in collaborazione con l’Ente Ospedaliero Cantonale (EOC), con un focus particolare sulle applicazioni delle reti bayesiane al settore biomedico. Gli interessi di ricerca di Linda van der Gaag sono indirizzati nell'ambito dei modelli grafici probabilistici e vanno dalle loro fondamenta alla loro applicazione. La sua ricerca si concentra principalmente sull'indipendenza probabilistica e sui concetti qualitativi di probabilità, mentre il suo lavoro orientato alle applicazioni riguarda la progettazione di metodi per migliorare la praticabilità dell'uso di modelli grafici probabilistici in campo medico e veterinario. Ha ricevuto diverse sovvenzioni e ha pubblicato oltre 200 articoli in conferenze e riviste scientifiche.

Massimo Botta – Professore in Design dell’interazione

Image Massimo Botta – Professore in Design dell’interazione

Si laurea in Architettura e consegue il dottorato di ricerca in Industrial Design e Comunicazione Multimediale al Politecnico di Milano.
Presso il Laboratorio cultura visiva della SUPSI è responsabile del Master of Advanced Studies in Interaction Design e dell’area di ricerca in Interaction design, dove si occupa di ricerca teorica e applicata nei campi del design dell’interazione, degli ecosistemi digitali e dei sistemi per l’accesso, la manipolazione e la visualizzazione dell’informazione. In tali ambiti ha condotto e partecipato a progetti di ricerca finanziati dal Fondo nazionale svizzero, Gebert Rüft Stiftung, CTI, Unione europea, aziende private e autorità cantonali.
Svolge un ruolo attivo nella promozione del dibattito internazionale sull’evoluzione della ricerca nel design in rapporto alle altre scienze e per lo sviluppo del terzo ciclo della formazione (Ph.D.) nel design e nelle arti attraverso l’organizzazione di conferenze internazionali e la cura di pubblicazioni.
È autore del libro Design dell’informazione. Tassonomie per la progettazione di sistemi grafici auto-nomatici (Valentina Trentini editore, Trento 2006).

Fabio Lepori – Professore in Ecologia acquatica applicata

Image Fabio Lepori – Professore in Ecologia acquatica applicata

Fabio Lepori è un ecologo interessato allo studio delle comunità biologiche e degli ecosistemi nel contesto degli ambienti d’acqua dolce. Dopo la laurea in Scienze naturali all’Università degli studi di Pavia, si specializza conseguendo un Master e un dottorato di ricerca presso l’Università di Cardiff (Galles, Regno Unito). Il suo percorso professionale lo ha poi portato in Svezia, Stati Uniti e Francia, dove ha ricoperto diversi ruoli accademici. Dal 2012 lavora presso la SUPSI con responsabilità in ambiti di ricerca, consulenza e formazione. Ha affrontato alcune delle maggiori problematiche ambientali concernenti le acque dolci, incluse le cause di cambiamento (inquinamento, diffusione di specie aliene, variazioni climatiche) e le possibilità di riqualifica ecologica. Il suo lavoro è motivato da un forte interesse volto a coniugare le conoscenze dell’ecologia fondamentale con la conservazione e la gestione sostenibile degli ambienti d’acqua dolce.

Per maggiori informazioni

Prof. Ing. Franco Gervasoni
Direttore generale SUPSI
T. +41 (0)58 666 60 14

st.wwwsupsi@supsi.ch