La didattica aperta nella formazione
14 aprile 2022
Webinar 12.30-13.30
Aprire la didattica significa dare a chi si sta formando un ruolo attivo e partecipativo. Si impara prendendo decisioni in autonomia e realizzando, insieme ai team manager e ai collaboratori, il proprio percorso di apprendimento.

Presentazione

Il primo passo è trasformare il setting in cui si apprende, abbandonando la frontalità. Le metodologie utilizzate, attraverso la possibilità di scegliere in autonomia, sviluppano il senso di responsabilità personale e la partecipazione attiva alla comunità educante. Questo permette di valorizzare ciascuno, in modo preciso e centrato.

Anche il ruolo del team manager, non più centrale, diventa aperto e disponibile, si fa azione formativa indiretta, mediata da un ambiente accuratamente progettato, con la messa a disposizione di materiali strutturati, tramite i quali i collaboratori, loro sì al centro del processo di apprendimento, diventano protagonisti.

La gestione delle tante differenze, in qualsiasi aula, può diventare sostenibile solo se il formatore si fa un po’ da parte e aumenta, invece, la partecipazione attiva dei collaboratori.
Utilizzeremo varie tecniche per imparare con un approccio cooperativo, sostituiremo la tendenza a competere con la pratica della collaborazione costruttiva, attraverso l’offerta di una pluralità di proposte ed occasioni.

“Non si tratta di abdicare al ruolo di guida rispetto ai soggetti in formazione, ma di farsi regista anziché primo attore, e di andare in scena con l’intero gruppo classe". (Heidrun Demo, DIDATTICA DELLE DIFFERENZE)
 
I benefici
Valorizzare le differenze, sviluppare le competenze individuali e di team, creare un clima di fiducia nel quale ciascuno organizza il proprio apprendimento e sviluppa i suoi talenti, la sua autostima.

Relatrice

Sara Antiglio, Esperta nei processi di inclusione scolastica e nei processi di sviluppo e valutazione delle competenze in ottica inclusiva - Conduttrice del Laboratorio di Didattica dell’area antropologica presso il Corso di specializzazione per le attività di sostegno dell’Università degli Studi di Torino, dell’Università Cattolica di Milano e Formatrice del CeDisMa (Centro per la disabilità e la marginalità) presso la stessa Università - Formatrice del PNFD (Piano Nazionale Formazione Docenti) - Flipped teacher - 30 anni di esperienza nelle aule della scuola primaria e secondaria di primo grado.

Iscrizione e informazioni

È possibile iscriversi compilando l'apposito formulario online. La partecipazione dà diritto a PDU - 1 Strategic.

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch