Studenti e poi? Quattro chiacchiere con Mattia Ceraudo
06 agosto 2020
Nell’ambito della campagna SUPSI 2020 abbiamo intervistato alcuni ex studenti del Dipartimento tecnologie innovative per conoscere le loro storie ed esperienze. Mattia Ceraudo ha studiato Ingegneria gestionale ed è attualmente Project Manager presso una importante azienda attiva nel settore IT.

Quali erano le tue ambizioni/i tuoi obiettivi prima di entrare in SUPSI?

“Ottenere una laurea e per lo più in Ingegneria era sicuramente la sfida più grande e stimolante che avessi chiesto a me stesso fino a quel momento. L’obiettivo era ottenere un titolo di studio importante e garantirmi delle nuove opportunità professionali”.

Come descriveresti la tua esperienza in SUPSI?

“L’esperienza alla SUPSI la potrei paragonare alla scalata di una montagna, dove per arrivare sulla cima più alta (e ottenere il Bachelor) bisogna fare alcuni sacrifici. Puoi anche commettere qualche errore qui e là lungo il cammino purché tu possa imparare dagli stessi ed infine raggiungere il tuo obiettivo”.

Quale è il tuo ruolo attuale nel mondo del lavoro? Di cosa ti occupi?

“Dopo alcune esperienze lavorative all’estero sono tornato in Svizzera da un anno circa e il lavoro mi ha portato a stabilirmi a Zurigo. Sono un Project Manager presso un’azienda informatica che sviluppa software per Banche”.

Quali sono le tue ambizioni per il futuro?

“Nei prossimi anni mi piacerebbe dare continuità al mio percorso e crescere internamente in azienda, per migliorarmi come figura professionale. Vedremo cosa ci riserva il futuro e quali altre montagne bisognerà scalare”.

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch