Conosciamo i Professori del DTI: intervista a Fabrizio Grandoni
19 ottobre 2020
Fabrizio Grandoni, Professore in algoritmi approssimati all’Istituto Dalle Molle di studi sull’intelligenza artificiale USI-SUPSI, si presenta rispondendo ad una breve intervista sul suo percorso personale e professionale.

Come riassumerebbe il percorso personale e accademico che l’ha portata a realizzare questo importante traguardo professionale?
Prima di venire in SUPSI ho ricevuto importanti riconoscimenti alla mia ricerca fra cui un prestigioso premio internazionale e un ERC Starting Grant. Purtroppo, però, non vedevo prospettive di carriera all'altezza nel posto dove lavoravo. La SUPSI mi ha offerto la possibilità di lavorare (inizialmente come ricercatore) in grande libertà e autonomia in un contesto ben organizzato, con carichi didattici e burocratici ragionevoli e buone opportunità di ottenere finanziamenti. Questo mi ha permesso di crescere molto dal punto di vista scientifico e umano fino a meritare (almeno spero) il titolo di Professore.


Se non avesse fatto questo lavoro, che cosa le sarebbe piaciuto diventare? Ha sempre voluto specializzarsi in questo campo?
Ho sempre avuto una grande passione per tematiche legate al mio lavoro attuale, anche se l’ho capito relativamente tardi (a dottorato iniziato). Se non mi fossi specializzato in questo campo, mi sarebbe piaciuto fare un lavoro legato alla mia grande passione per i viaggi.


Qual è la parte più impegnativa e quale la più appagante della sua professione?
La parte più impegnativa del mio lavoro è trovare la calma e la concentrazione per riflettere su complessi problemi algoritmici cercando di non farmi sopraffare dai molti altri impegni (insegnamento, revisioni, organizzazione di eventi etc.). Il momento più appagante è quando mi viene un'idea che risolve un problema su cui ho lavorato per tanto tempo.


Come vede il suo futuro in SUPSI?
In futuro spero di far crescere e consolidare il mio gruppo di ricerca e di continuare a fare ricerca con lo stesso entusiasmo di oggi.

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch