Terrorismo, Internet e nuove tecnologie
27 novembre 2015
Gli attentati di Parigi hanno riattualizzato il problema dell'utilizzo di Internet e delle nuove tecnologie per scopi criminali. Terrorismo e Isis, ma anche trafficanti di armi e droga, utilizzano la rete sommersa e inaccessibile ai normali utenti di Internet per i loro crimini. Alla trasmissione radiofonica Modem di Rete Uno si discute della guerra al terrorismo combattuta su Internet.

La puntata

Alla puntata del 26 novembre hanno partecipato alla discussione: Alessandro Trivilini, responsabile del Laboratorio di informatica forense della SUPSI; Philipp di Salvo, ricercatore all'USI, web editor dell'Osservatorio europeo di gioralismo e giornalista; Antonio Caffo, giornalista freelance di Panorama e del portale Datamanager.

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch