‘A scuola in Ticino durante la pandemia di COVID-19’, sintesi di un’indagine
22 settembre 2020
Comunicato stampa congiunto Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) - Dipartimento formazione e apprendimento (DFA)

Viene oggi pubblicata la sintesi dell’indagine ‘A scuola in Ticino durante la Pandemia di COVID-19’, commissionata nel maggio 2020 dal Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (DECS) al Dipartimento formazione e apprendimento (DFA) della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI). Il sondaggio ha voluto indagare i vissuti, le esperienze, le difficoltà e i bisogni emersi durante la fase di scuola a distanza e durante quella parzialmente in presenza (periodo marzo-giugno 2020). Il quadro descritto da allievi, docenti, genitori e quadri scolastici è variegato: aspetti positivi e critici appaiono strettamente connessi. Due i temi che si evidenziano chiaramente: l’impossibilità di sostituire la scuola in presenza con quella a distanza, e il riconoscimento dell’impegno messo in campo da tutti gli attori per dare vita a un’"altra scuola" in cui flussi di comunicazione, metodologie di insegnamento e ruoli sono stati modificati per far fronte a un’emergenza inedita.

La rispondenza all’indagine è stata notevole: circa il 50% delle famiglie e il 70% dei quadri scolastici e del corpo docente attivo sul territorio ticinese ha compilato il questionario.

Uno degli elementi che emerge frequentemente è il riconoscimento del grande impegno profuso per assicurare il diritto all’istruzione degli allievi nonostante l’emergenza. A fronte di questo dato molto positivo, l’indagine mostra tuttavia alcune criticità. I docenti hanno visto il loro carico di lavoro aumentare – 2 docenti su 3 sottolineano di aver lavorato molto più o più del solito – e hanno dovuto rimodulare notevolmente le pratiche didattiche normalmente attuate (una riprogettazione importante degli interventi è stata necessaria per il 61% dei docenti e una rimodulazione globale delle unità didattiche per il 59%). La situazione appare altrettanto onerosa per i genitori che hanno segnalato accresciute difficoltà di conciliazione tra attività lavorative e personali. In particolare, le difficoltà sono associate all’accudimento dei figli (per il 30% dei rispondenti) e alla necessità di accompagnare gli stessi nelle attività scolastiche fornendo spiegazioni o alimentando la motivazione allo studio (con solo il 3% dei bambini di scuola dell’infanzia e il 5% dei bambini di scuola elementare che ha lavorato da solo; la percentuale nella scuola media sale tuttavia al 40%).

Sull’efficacia della scolarizzazione a distanza è emerso un quadro moderatamente positivo. È stato ritenuto efficace dalla maggioranza degli allievi; dal 56% degli insegnanti delle scuole comunali e dal 41% dei docenti delle scuole medie. Solo il 4% dei docenti delle scuole comunali e l’8% dei docenti delle scuole medie ritiene che questa modalità didattica non sia stata efficace. I restanti docenti (40% nelle scuole comunali e 51% nelle scuole medie) sostengono che l’insegnamento a distanza sia stato efficace unicamente per una minoranza di allievi. Confrontando questo dato con le risposte di genitori e allievi si riscontra come più della metà dei genitori (il 64%) ritiene che durante la scuola a distanza i figli abbiano imparato cose nuove spesso o sempre; il 51% degli allievi delle scuole comunali e il 43% degli allievi delle scuole medie è dello stesso avviso. Sebbene la scuola a distanza sembri essere stata apprezzata, il ritorno a una scuola parzialmente in presenza lo è stato ancora di più: il 93% di genitori dichiara infatti che il proprio figlio è stato contento di rientrare a scuola dopo il lockdown.

Secondo l‘80% dei genitori, i figli sono apparsi sereni e felici durante la scuola a distanza ma 8 allievi delle scuole comunali su 10 hanno sentito la mancanza dei compagni di scuola e 7 su 10 quella dei maestri. Stare a casa è piaciuto agli allievi (il 30% ha risposto “sì”, e il 53% ha risposto “a volte”), ma molti di loro si sono anche annoiati (16% “sì” e 59% “a volte”). Anche tra i docenti le emozioni positive hanno avuto la prevalenza su quelle negative. Ciononostante dalle risposte appare una certa preoccupazione sulla pressione e sull’incertezza vissuta dagli insegnanti, soprattutto durante il primo periodo. Con la scuola a distanza il 57% dei docenti di scuola media ha dichiarato di essersi sentito spesso o sempre sotto pressione e il 30% ha affermato di essersi sentito spesso o sempre ansioso. Con il passaggio alla scuola parzialmente in presenza, la situazione è generalmente migliorata.

Da segnalare infine il giudizio positivo espresso da docenti e direttori su come il DECS e gli istituti scolastici hanno gestito l’emergenza. In generale, per i due periodi, le linee guida formulate dalle direzioni degli istituti sono state ritenute utili e tempestive da ogni categoria di docenti. Quelle emanate dal DECS, pur essendo considerate utili, secondo una buona parte dei quadri scolastici non sono state emesse con sufficiente anticipo; una valutazione, quest’ultima, che può anche essere ricondotta al comprensibile stato d’incertezza del momento.

Maggiori informazioni sull’indagine sono reperibili all’indirizzo www.ricercascuola2020.supsi.ch

Maggiori informazioni

Manuele Bertoli, Direttore Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport, 091 / 814 44 50
Emanuele Berger, Direttore Divisione della scuola, emanuele.berger@ti.ch, 091 / 814 18 11
Claudia Di Lecce, Referente comunicazione, DFA-SUPSI, claudia.dilecce@supsi.ch, 058 / 666 68 85

st.wwwsupsi@supsi.ch