Nuova ricerca



Scuola e Centri educativi per minorenni. Pratiche pedagogico-didattiche e traiettorie formative

Acronimo EDUCEM

Abstract Un numero importante di giovani, più di 400, in età formativa è a vario titolo ospitato nei Centri educativi per minorenni (CEM). Il presente progetto affronta due dimensioni – una sociologica ed una pedagogico-didattica - di questa realtà. La prima è inerente ai percorsi formativi, professionali e di integrazione sociale dei giovani che vivono, o che hanno vissuto, l’esperienza del CEM; la seconda concerne le strategie di inclusione messe in atto dagli attori del sistema scolastico e di quello socio-educativo al fine di garantire ai ragazzi un equa e adeguata possibilità di fruire delle opportunità formative offerte dal settore obbligatorio e post-obbligatorio. Per rispondere al primo quesito intendiamo integrare un’analisi quantitativa longitudinale fondata sull’ampia base dati Gestione Allievi e Gestione Istituti (GAGI) ad un approfondimento qualitativo realizzato attraverso interviste in profondità. Per ciò che concerne il secondo, verranno descritte le strategie istituzionali e le pratiche pedagogico-didattiche messe in atto, l’analisi avverrà interpellando docenti, ragazzi, dirigenti e operatori dei CEM, e ricorrendo all’osservazione partecipante.

Enti SUPSI coinvolti Centro innovazione e ricerca sui sistemi educativi

Persone coinvolte Marina Bernasconi Pedrolini, Giovanna Zanolla

Responsabili Spartaco Calvo

Data di inizio progetto 1 aprile 2017

Data di chiusura progetto 31 agosto 2019

Email spartaco.calvo@supsi.ch

Allegati allegato_al_progetto 2019_poster_ricerca_EDUCEM (in italiano)
allegato_al_progetto 2020_poster_ricerca_EDUCEM (in italiano)

 
st.wwwsupsi@supsi.ch