Nuova ricerca



Cryptographic Channel Controller: study, development and rapid-prototype realisation

Acronimo C3

Abstract Nel progetto si è sviluppato una nuova famiglia di acceleratori crittografici per sistemi microcontroller. L'architettura del Controllore di Canale Crittografico (C3) è basata su un controllore di DMA intelligente, che è, di fatto, un co-processore per la CPU ospite, che esegue programmi forniti dalla stessa CPU ospite (compilati ed inizializzati dal driver). Una volta inizializzato con un compito, un C3 è completamente indipendente ed è in grado di leggere i dati dalla memoria principale attraverso il bus di sistema (AMBA-AHB o PCI) e di riscrivere il risultato degli algoritmi crittografici nella memoria principale. Attualmente C3 è in grado di eseguire un gran numero di differenti algoritmi crittografici: DES, AES (nei modi CBC, ECB?), MD5, SHA-1. C3 è anche in grado di concatenare i diversi algoritmi senza l'intervento della CPU ospite; in questo modo, compiti crittografici complessi, come IPsec, possono essere eseguiti molto efficientemente, come si è potuto verificare su di un sistema di prototipaggio rapido (scheda FPGA per bus PCI). C3, grazie a unità di controllo micro-programmate multiple (facoltativa), può anche trattare simultaneamente diversi threads controllati dal driver; in questo modo agisce come un vero dispositivo multi-thread. C3, che è stato dapprima dimostrato su di un PC mediante una scheda di prototipaggio rapido; è già stato adottato dalla società ST Microelectronics (ST) per i dispositivi crittografici della prossima generazione; un primo esempio commerciale di C3 è stato creato da una divisione di ST ed è stato implementato su un single-chip microcontroller inserito in una stampante.

Enti SUPSI coinvolti Dipartimento tecnologie innovative
Laboratorio microelettronica, bioelettronica e sensorica

Persone coinvolte Alberto Piatti, Thierry Matalini, Marco Rogantini, Luca Gamma

Responsabili Ivan Defilippis

Data di inizio progetto 1 novembre 2003

Data di chiusura progetto 1 gennaio 2006

 
st.wwwsupsi@supsi.ch