Nuova ricerca



Gender & Design: Genderspezifische Designmethode

Acronimo Gender & Design: Genderspezifische Designmethode

Abstract Genderspezifische Designmethode è un progetto di ricerca finalizzato all?elaborazione di un metodo di analisi per l?insegnamento che metta il designer nella condizione di acquisire consapevolezza rispetto alla propria identità di genere e a quella dei fruitori dei suoi prodotti. Il progetto si colloca all?interno di un progetto federale volto a stimolare l?inserimento della dimensione di genere nel piano degli studi dei corsi di laurea SUP orientati al design: a ognuna delle tre università professionali coinvolte è stato affidato lo sviluppo di modelli didattici legati rispettivamente al design del prodotto (Zurigo), dell?architettura d?interni (Basilea e Aarau) e della comunicazione visiva (Lugano). Il progetto di ricerca federale ? finanziato dall\'Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (UFFT/BBT) e diretto dal Prof. Michael Krohn della ZHDK ? si è svolto in partenariato con la SUPSI (Laboratorio cultura visiva e Istituto CIM per la sostenibilità nell\'innovazione, capoprogetto: Cecilia Liveriero Lavelli) e con la HGK (capoprogetto Catherine Sokoloff). Osservando l?influsso che il design esercita sulla società nei campi della comunicazione visiva, dell?architettura d?interni, dell?arredamento e dell?industrial design legato agli oggetti d?uso quotidiano, il gruppo di lavoro ha elaborato strumenti che aiutano da una parte a comprendere le logiche con cui vengono concepiti gli oggetti di design per gruppi di fruitori mirati sulla base del genere e, dall?altra, ad analizzare sulla base di quali riflessioni o stereotipi questi prodotti vengano percepiti. L?analisi dello stato dell?arte, lo studio di case studies e lo sviluppo di una metodologia che possa facilitare la creazione di un nuovo linguaggio del design che tenga conto delle esigenze ?gender? ha portato all?elaborazione di materiali applicabili alla pratica quotidiana del design. Preliminarmente è stato creato un ricco database di prodotti di design della comunicazione (copertine di riviste, manifesti pubblicitari, locandine di film, giochi da tavolo) attinti dall?arco temporale 1880-2012 e corredato da una ricca bibliografia, di cui una parte è stata tradotta e analizzata. In secondo luogo il metodo è stato testato alla Swiss Design Network Conference del 2011 a Basilea, producendo ottimi riscontri. Infine, per sviluppare una competenza \"gender\" nell?approccio al design, il percorso metodologico è stato implementato in un modulo formativo di cui viene assicurata la continuità presso la SUPSI entro il piano degli studi di Comunicazione visiva dall?anno accademico 2010-2011. Il modello si è consolidato nel format didattico del workshop ?Gender&Design?, del peso di 2 crediti ECTS.

Enti SUPSI coinvolti Istituto di ingegneria meccanica e tecnologie dei materiali
Settore ricerca cultura e territorio

Persone coinvolte Micaela Groppelli, Nicla Borioli Pozzorini, Francesca Micheloni, Fred Voorhorst, Danuscia Tschudi Von Kaenel, Olivia Maria Blum, Vittoria Calabretta, Ruth Hungerbühler Savary

Responsabili Cecilia Liveriero Lavelli

Data di inizio progetto 1 gennaio 2009

Data di chiusura progetto 31 dicembre 2010

 
st.wwwsupsi@supsi.ch