Stage
Diverse formazioni SUPSI prevedono lo svolgimento di alcuni moduli pratici (stage) presso partner del mondo professionale. In diversi casi, è possibile svolgere tale pratica all’estero grazie alla collaborazione con università partner o direttamente con strutture.
Inoltre alcuni corsi di laurea danno la possibilità di poter svolgere degli stage nella pausa estiva, durante il congedo oppure durante il semestre di stesura di tesi.
Queste mobilità, che devono essere di minimo 2 mesi, possono essere finanziate attraverso il programma SEMP.

Sia le persone interessate a svolgere uno stage curriculare (previsto dal percorso di studio) che coloro che vorrebbero svolgere uno stage secondo altre modalità nei paesi europei riconosciuti come partner dal programma SEMP, devono partecipare al bando di concorso.

Nel caso degli stage curriculari, molte informazioni verranno date già nel corso del primo anno dai coordinatori dipartimentali. Questo perché tali stage prevedono dei contenuti che devono essere stabiliti e riconosciuti dal dipartimento al fine del loro riconoscimento e perché le strutture sono molto spesso già partner SUPSI.

Anche se con vincoli più elastici, gli stage non curriculari devono essere anch’essi approvati dal coordinatore dipartimentale. La ricerca dello stage è a carico dello studente, che può sicuramente avvalersi dell’aiuto del coordinatore dipartimentale e del corso di laurea: docenti e coordinatori sono a disposizione per consigli e suggerimenti, ma la ricerca dello stage è tuttavia responsabilità dello studente.

Il progetto di mobilità
Svolgere una mobilità per stage in un altro paese significa pianificare e costruire un progetto che richiede diverso tempo. La partenza è l’ultimo tassello di questa esperienza che inizia con l’idea di voler partire per un’esperienza al di fuori dei confini regionali. A questo seguono tanti piccoli passi.
Per potersi preparare al meglio, ecco una descrizione delle tappe principali di questo percorso.

Borsa di studio

Il programma SEMP prevede un sostegno agli studenti in mobilità che dipende dalla durata reale dello stage.

  • Borsa mensile di CHF440

Tuttavia, per determinare l'importo della sovvenzione si divide la borsa mensile di CHF440 per i giorni del mese (un mese corrisponde sempre a 30 giorni) e si moltiplica il risultato così ottenuto per i giorni effettivi di durata dello stage.

Questi importi sono validi per l'anno accademico 2022/2023, secondo le direttive dell'agenzia nazionale Movetia, compatibilmente con il numero di borse ricevute da SUPSI a sostegno del programma SEMP.

La mobilità per studio prevede un’attività di minimo 2 mesi completi (60 giorni).

Il finanziamento viene distribuito, nel rispetto del periodo di finanziabilità, come segue:

  • 90% all'inizio del periodo di mobilità
  • 10% al termine del periodo di mobilità

Versamento previa consegna di tutta la documentazione elencata sull’ accordo finanziario.

Attenzione
Vi ricordiamo che le mobilità svolte nel proprio paese di residenza non sono eligibili e per questo non finanziabili.

Documentazione programma SEMP

Prima della partenza

All'incirca un mese prima della prevista partenza l'International Office convoca gli studenti per preparare l'accordo finanziario, un contratto tra la SUPSI e il singolo studente che permette a quest'ultimo di beneficiare della sovvenzione prevista. Il 90% del finanziamento viene versato all'inizio del soggiorno di studi e il restante 10% alla fine. Firmando l'accordo finanziario gli studenti si impegnano a rispettare tutta la procedura prevista e a consegnare la relativa documentazione.

Lo studente é responsabile dell'organizzazione del proprio soggiorno. In particolare lo studente si informa sulle possibilità di alloggio offerte dall'istituto ospitante, sulle coperture assicurative all'estero, su eventuali procedure di visto e di permesso, sul viaggio e sui trasporti pubblici. Per quanto riguarda le coperture assicurative, lo studente é tenuto a leggere la circolare relativa alle coperture fornite da SUPSI durante il periodo di mobilità e compilare la relativa dichiarazione che andrà consegnata, in originale, al momento dell’incontro.
Spesso tramite l'istituto di accoglienza é possibile reperire tutte le informazioni necessarie.

Per potersi candidare per mobilità ai fini di studio o di stage potrebbe venir richiesto dalla scuola o azienda/istituto del paese ospitante il casellario giudiziale svizzero.
Per gli studenti italiani invece potete seguire le seguenti istruzioni.

Durante il soggiorno

Una volta giunti a destinazione, gli studenti si recano presso l'ufficio competente per la mobilità (generalmente l’International Office per le mobilità organizzate dalle università partner, negli altri casi gli uffici che si occupano degli stagisti), fanno firmare il certificate of arrival, e lo caricano nel proprio profilo in Mobility Online.

Nel caso in cui dovessero esserci dei cambiamenti da apportare sul Learning agreement, gli studenti sono tenuti a contattare il coordinatore dipartimentale affinché i cambiamenti siano approvati. In ogni caso, una copia del Learning agreement definitivo, va inoltrata al coordinatore dipartimentale  entro un mese dall'inizio della mobilità. Il documento originale resta allo studente.

Una volta concluso il periodo di stage, gli studenti consegnano all'ufficio di competenza per il programma di mobilità il certificate of attendance per compilazione, firma e timbro. Gli studenti sono tenuti a conservare il documento originale e a compilare il rapporto finale. Entrambi i documenti vanno caricati o completati in Mobility Online.

Certificazione e rientro

Certificazione
Secondo il tipo e la modalità di stage (curriculare, corso di laurea), viene compilato un documento per il riconoscimento dei crediti, che solitamente viene inviato al coordinatore dipartimentale, che si occupa di concludere la documentazione. Molto spesso, al rientro dalla mobilità, viene fissato un incontro in cui si parla dei risultati dello stage appena svolto.
Per gli stage non curriculari tale documento non è obbligatorio; si consiglia tuttavia di farsi rilasciare un certificato di stage, che potrà essere usato in seguito al termine degli studi magari all’interno di un dossier di candidatura di lavoro. Qualora tale documento venisse rilasciato, una copia deve essere mandata all’International Office.

Rientro
Al rientro verrà organizzato un incontro per il feedback della propria esperienza e per condividere la propria esperienza con gli altri studenti andati in mobilità durante lo stesso periodo.

...e per concludere

Gli studenti SUPSI hanno un’ottima reputazione presso i partner SUPSI e di questo siamo molto contenti. Proprio perché siete ospiti, preghiamo di essere rispettosi dei regolamenti e del lavoro delle persone che si occupano della vostra mobilità sin dall’inizio. Preghiamo quindi di informare tempestivamente il responsabile mobilità se vi fossero delle difficoltà legate al contenuto della vostra mobilità e di contattarlo immediatamente qualora vi fosse un impedimento a partire.

L’International Office è a disposizione per le diverse questioni burocratiche-amministrative.

st.wwwsupsi@supsi.ch