Radon mitigation efficiency (RAME)
Image

Radon mitigation efficiency è un progetto di ricerca nazionale, finanziato dall'Ufficio federale della sanità pubblica, finalizzato a verificare l'efficacia nel tempo dei risanamenti radon finora eseguiti nelle abitazioni. Il progetto viene gestito a livello nazionale dal Centro competenze radon della SUPSI al quale si aggiungono importanti e qualificati partner a livello nazionale e regionale come gli altri due centri di competenza radon di Friburgo e Muttenz, l’Ufficio federale della sanità pubblica e lo studio d’ingegneria ECONS SA di Bioggio.

In questi ultimi decenni, sull’intero territorio nazionale, sono state eseguite molteplici misurazioni con l’obiettivo di monitorare le concentrazioni radon nelle abitazioni. In numerosi casi, al fine di garantire concentrazioni al di sotto del livello di riferimento, sono stati eseguiti interventi volti a ridurre i valori presenti all’interno degli edifici.

Tali interventi non sempre sono stati segnalati da parte dei proprietari immobiliari e di conseguenza censiti all’interno della banca dati federale. Questo studio vuole quindi cercare di raccogliere tutte le informazioni disponibili sui risanamenti radon finora eseguiti in Svizzera al fine di valutare quanti edifici sono stati risanati sul territorio nazionale così da poter valutare l’efficacia nel tempo degli stessi e sviluppare delle linee guida di pubblica utilità sulle tecniche di risanamento disponibili.

Con tale obiettivo i partner di progetto invitano tutti coloro che hanno effettuato dei risanamenti radon a completare un questionario per raccogliere informazioni relative ai risanamenti radon effettuati in Svizzera.

A 200 proprietari è stata data l’opportunità di monitorare le concentrazioni radon all’interno della propria abitazione gratuitamente con 5 dosimetri. Grazie a questA analisi, effettuata a scopo di ricerca, i proprietari potranno conoscere le concentrazioni radon attualmente presenti all’interno dell’edificio a distanza di tempo dal risanamento effettuato.

st.wwwsupsi@supsi.ch