L'ISEA informa 9 - Settembre 2021

Le simulazioni elettromagnetiche, uno strumento indispensabile per lo sviluppo di un prodotto innovativo

Image Le simulazioni elettromagnetiche, uno strumento indispensabile per lo sviluppo di un prodotto innovativo

La costante evoluzione tecnologica ha portato a un crescente sviluppo di tecniche di telecomunicazione basate su sistemi senza fili. Gli apparecchi che utilizziamo quotidianamente integrano, in dimensioni ridotte, svariate tecnologie di comunicazione. Elemento principale dei sistemi senza fili sono le antenne e i relativi circuiti ad alta frequenza, che necessitano sempre più di poter essere integrati in spazi ridotti e coesistere con altri sistemi senza influenzarsi a vicenda.

Lo sviluppo di questi particolari ed essenziali componenti ha negli anni subito delle grandi trasformazioni grazie anche alla parallela evoluzione dei sistemi di simulazione elettromagnetica computerizzati, diventati un elemento indispensabile nelle tappe di sviluppo di un prodotto. Essi offrono infatti la possibilità di prevedere con grande affidabilità quali saranno i comportamenti elettrici ed elettromagnetici delle apparecchiature sviluppate. È così possibile ottenere un notevole risparmio in termini di tempo di maturazione del prodotto grazie a un maggiore controllo del processo di sviluppo da parte degli ingegneri e a una riduzione del numero di prototipi necessari, con conseguenti riduzioni dei costi.

L’utilizzo degli strumenti di simulazione elettromagnetica non è limitato al solo campo specifico delle telecomunicazioni wireless ma è bensì indispensabile anche ad esempio nello sviluppo di circuiti stampati digitali o analogici ad alta velocità, nell’analisi di sistemi radio per valutazioni geologiche, nello sviluppo di sistemi per il trattamento di materiali particolari, nella pianificazione della copertura radio, nell’analisi non distruttiva dei materiali, nell’imaging a microonde, nell’analisi del comportamento elettrico a contatto con involucri o con il corpo, ecc.

Oltre a tutto ciò, offrono la possibilità di stimare e visualizzare delle grandezze fisiche che risulterebbero impossibili da misurare con gli usuali strumenti di misura da laboratorio come ad esempio le intensità di campo elettrico all’interno di oggetti, materiali o esseri viventi.  

L’area scientifica di Elettronica RF, telecomunicazioni, alta frequenza e sistemi per l'imaging dell’Istituto ISEA della SUPSI mette a disposizione, attraverso i suoi ricercatori, una comprovata ventennale esperienza nel campo dello sviluppo di sistemi ad alta frequenza e dell’utilizzo di questi strumenti di simulazione come supporto per lo sviluppo di progetti con l’industria, la ricerca e la didattica.

Ing. Samuel Poretti, responsabile area scientifica Elettronica Rf. telecomunicazioni, alta frequenza e sistemi per l'imaging

Il progetto del mese: RiBeMos

Image Il progetto del mese: RiBeMos

La conoscenza del materiale trasportato dai fiumi è molto importante per la prevenzione delle piene o per mettere in atto misure di protezione delle persone e delle infrastrutture da pericoli naturali. Il progetto RiBeMos, finanziato da Innosuisse, mira a sviluppare un innovativo sistema multi-sensore in grado di misurare sia i solidi in sospensione sia il trasporto di fondo dei fiumi.

Il partner del mese: Saphyrion Sagl

Image Il partner del mese: Saphyrion Sagl

Saphyrion Sagl è specializzata nella progettazione e nello sviluppo di circuiti integrati analogici e mixed-mode, nonché in strumenti per l'analisi dei dati GNSS. Grazie a una comprovata esperienza in circuiti integrati resistenti alle radiazioni e qualificati per lo spazio, si è distinta nell'industria aerospaziale e collabora con l'ISEA per lo sviluppo di progetti in questo ambito.

 

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch