Il progetto Bloodextractor a "Il giardino di Albert"
17 maggio 2016
Igor Stefanini, Responsabile del Laboratorio sistemi integrati biomedicali, ha presentato il progetto BLOODEXTRACTOR nel corso della puntata de "Il giardino di Albert" RSI dedicata alla ricerca e agli utilizzi in campo medico delle cellule staminali.

Ogni anno in Svizzera oltre 1'000 persone tra bambini e adulti si ammalano di leucemia. Per alcuni di loro il trapianto di cellule staminali sane è l'unica cura possibile. Il sangue placentare è un'importante fonte di cellule staminali e può essere raccolto con la donazione del cordone ombelicale dopo il parto.

Nella pratica tradizionale, immediatamente dopo il parto, il cordone viene clampato e tramite un ago il sangue viene fatto defluire in una sacca. Il problema con questa pratica è che spesso il sangue raccolto non è sufficiente per avere il numero minimo di cellule staminali necessarie per un trapianto. Per questo motivo è essenziale estrarre quanto più sangue possibile.

BLOODEXTRACTOR è un progetto nato dalla collaborazione tra i ricercatori del Dipartimento tecnologie innovative e la Swiss Stem Cell Bank con l'obbiettivo di ottimizzare la raccolta del sangue placentare attraverso un sistema meccanico di aspirazione. Il gruppo di ricerca ha sviluppato un prototipo che, grazie alla realizzazione tramite stampante 3D, è di facile utilizzo e a basso costo, può quindi potenzialmente essere introdotto in tutte le sale operatorie.

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch