Roberto Gardenghi rappresenta la SUPSI in Iran
23 maggio 2018
La SUPSI ha avuto l’opportunità di partecipare a una missione di esplorazione scientifica in Iran organizzata dal Segretariato di Stato per l’Educazione, la Ricerca e l’Innovazione (SERI) volta a rafforzare le relazioni esistenti tra Svizzera e Iran e crearne di nuove.
Image
Lo scorso mese di maggio l'ing. Roberto Gardenghi, ricercatore dell'Istituto sistemi e elettronica applicata, ha avuto l’opportunità e il grande onore di rappresentare la SUPSI durante una missione di esplorazione scientifica in Iran organizzata dal Segretariato di Stato per l’Educazione, la Ricerca e l’Innovazione (SERI). La delegazione, composta da 17 persone rappresentanti diverse istituzioni svizzere (SERI, SNSF, ETH, EMPA, SwissTPH, EPFL, ZHAW, WSL, UniGe, SUPSI) e condotta dal segretario di stato Mauro Dell’Ambrogio ha visitato i 2 ministeri responsabili della formazione e della ricerca universitaria iraniani e 8 università ed istituti di ricerca nelle città di Teheran e Isfahan.
 
L’obiettivo della missione era quello di aprire le porte a ricercatori svizzeri in Iran e viceversa, permettendo di rafforzare le relazioni esistenti, di crearne delle nuove e di porre basi più solide per possibili future collaborazioni tra istituti dei 2 paesi nel contesto della ricerca e della formazione.
 
Ogni membro della delegazione ha avuto l’opportunità, nell’ambito più opportuno, di presentare la propria istituzione e le proprie attività. L'ing. Gardenghi ha avuto il privilegio di presentare la SUPSI e le attività inerenti al DTI e all’ISEA durante la visita alla Sharif University of Technology a Isfahan.
 
La visita della delegazione si è svolta nell’ambito del primo workshop organizzato dalla Leading House for South Asia & Iran gestita dalla ZHAW a Isfahan. 
Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch