HEXCER
Scambiatore di calore e di massa per sistemi di assorbimento e desorbimento con architetture ceramiche ingegnerizzate prodotte mediante additive manufacturing

Finanziato da Innosuisse - Agenzia svizzera per la promozione dell'innovazione
HEXCER

Parnter di progetto

  • Institut für Energietechnik, Ostschweizer Fachhochschule

Descrizione

La discrepanza tra l'energia rinnovabile disponibile in estate e la richiesta di calore in inverno può essere risolta con un compatto accumulo di energia termica stagionale. L'ingegneria delle strutture ceramiche prodotte con additive manufacturing è proposta per migliorare l'efficienza del sistema e aumentare la competitività di questa tecnologia.


L'energia termica rinnovabile per il riscaldamento degli edifici durante l'inverno in Svizzera può essere fornita dall'energia solare termica (raccolta principalmente in estate) e dall'accumulo stagionale. Per quanto riguarda quest'ultimo sistema, un approccio interessante è lo stoccaggio dell'assorbimento con un sistema termochimico. La zona di reazione è il cuore del sistema con uno scambiatore di calore e massa (HMX) che include un'unità assorbitore-desorbitore (A-D). Un'unità A-D ottimizzata non solo consentirà di diminuire i costi e il volume dell'HMX, ma consentirà anche di sfruttare appieno il potenziale termochimico della coppia sorbente-sorbato. Le prestazioni dell'intero sistema di accumulo miglioreranno notevolmente. Pertanto, una maggiore differenza di concentrazione di assorbente tra l'ingresso e l'uscita dell'unità A-D richiederà una quantità inferiore di assorbente. Ciò porta a un volume e un costo del sistema inferiori rispetto ai sistemi convenzionali. I tubi HMX del sistema saranno circondati da nuove strutture ceramiche prodotte con l’additive manufacturing, sviluppate nel progetto HEXCER per aumentare potenza ed efficienza.

 

Image
st.wwwsupsi@supsi.ch