Ricerca e servizi


Il PPS sviluppa attività di ricerca applicata e progetta servizi in campo clinico-assistenziale e socio-politico avvalendosi dell’apporto interdisciplinare dei suoi membri. L’obiettivo ultimo è elaborare e promuovere pratiche e politiche sanitarie efficaci, etiche e socialmente sostenibili, che mettano in primo piano la sicurezza e il benessere dei pazienti, dei loro famigliari e dei professionisti socio-sanitari sulla base di evidenze scientifiche condivise.

I progetti sinora realizzati dal PPS si sviluppano lungo quattro assi tematici principali:  

1) Professioni e competenze in sanità

Alla luce dell’evoluzione epidemiologica, tecnologica e culturale, le professioni sanitarie sono chiamate ad un continuo adeguamento. In questo contesto il PPS approfondisce due tematiche in particolare.

Interprofessionalità nella formazione e nella pratica clinica
In un’ottica di miglioramento della collaborazione delle varie figure professionali all’interno del sistema sanitario, il PPS si interroga sulle caratteristiche dell’educazione interprofessionale, sul suo impatto sulla costruzione di attitudini e competenze, e sulle modifiche di queste attitudini dopo l’ingresso nel mondo del lavoro. A livello di pratica clinica l’attenzione è rivolta alle interazioni, alle modalità di collaborazione tra i diversi professionisti e ai risultati che ne derivano per il paziente, il professionista e l’organizzazione.

Benessere organizzativo e morale ed etica sanitaria
Il buon funzionamento del sistema sanitario è fortemente influenzato dal benessere dei professionisti che vi lavorano. Tra gli obiettivi di ricerca del PPS vi è l’investigazione delle situazioni e dei fattori che lo promuovono. Nello specifico il fenomeno del benessere è esplorato in relazione allo stress lavorativo, nell’ottica dell’elaborazione di misure atte ad attenuarlo; è valutato anche il delta tra la preparazione formativa terziaria alle professioni sanitarie e le reali necessità della pratica professionale, al fine di armonizzare i curricula di studio; vi è infine un particolare interesse verso le questioni morali ed etiche che provocano sofferenza nei professionisti sanitari, così da promuovere supporti per sostenere il benessere morale.

2) Esperienza di malattia ed empowerment delle persone

Il punto di vista dei pazienti è fondamentale in un sistema sanitario che mette al centro il paziente nel percorso di cura e che intende promuovere la responsabilità personale verso la propria salute. Nelle sue ricerche, il PPS accorda particolare importanza all’esperienza della malattia, in particolare in relazione alla gestione del rischio - pensata come gestione di comportamenti a rischio (consumo di sostanze psicotrope, igiene di vita inappropriata) e gestione di condizioni a rischio (predisposizione genetica a svariate malattie) - e alla gestione della cronicità. L’obiettivo ultimo è lo sviluppo di interventi che supportino i pazienti nella presa a carico della propria salute.

3) Organizzazione dei sistemi sanitari

La sostenibilità dei sistemi sanitari poggia su un adeguato consenso politico attorno ad essi e su buone competenze di gestione. Il PPS svolge le sue ricerche in entrambi gli ambiti.  

Elaborazione e valutazione di politiche sanitarie
Le politiche sanitarie sono volte a migliorare efficacia, equità ed efficienza del sistema sanitario e socio-sanitario. Le competenze cantonali in tale ambito sono estese e permettono di elaborare politiche che tengono conto dei bisogni ma anche delle condizioni del contesto locale. Il PPS contribuisce al raggiungimento di tali obiettivi analizzando problematiche socio-sanitarie inedite ed elaborando linee guida per politiche innovative, da un lato, e valutando politiche sanitarie in atto rispetto ai loro obiettivi iniziali, dall’altro.

Management delle strutture sanitarie
Il management delle strutture sanitarie necessita di soluzioni che tengono conto di alcune caratteristiche chiave del settore: l’interesse pubblico dei servizi che rendono, la presenza dei professionisti e della loro autonomia professionale, la regolamentazione e l’intervento pubblico assai esteso. A partire da questo presupposto, il PPS si interroga sulla pianificazione strategica delle strutture sanitarie, sulla loro progettazione e sul loro sviluppo organizzativo, così come sulla gestione finanziaria e su quella delle risorse umane.

4) Tecnologie per la salute

I rapporti tra tecnologia e salute sono da tempo oggetto di interesse scientifico. Il PPS si inserisce in questo filone di ricerca interessandosi al potenziale della tecnologia per l’identificazione di fattori di rischio e per la diagnosi precoce, per l’educazione e il sostegno al paziente, per la terapia e la riabilitazione, e per l’impatto sulle attività professionali e sul clima organizzativo. L’attenzione è fissata in particolare sulle potenzialità di devices ludici (giochi dotati di sensori per la diagnosi precoce, realtà virtuale come mezzo riabilitativo, etc.), sullo sfruttamento di banche dati cliniche (sviluppo di algoritmi per identificare fattori di rischio, etc.) e sulle nuove tecnologie della comunicazione (sviluppo di app o piattaforme online per l’informazione del paziente, etc.).

I vari progetti – finanziati da mandati istituzionali o attraverso fondi competitivi svizzeri e europei - sono condotti in un dialogo continuo con le istituzioni politiche e socio-sanitarie presenti sul territorio, così come con altre strutture di ricerca locali, svizzere e internazionali.

Per assicurare il massimo impatto, la scelta dei progetti e il loro svolgimento si basano sui seguenti criteri:

  • aree ad elevato impatto
  • aree di competenza dei professionisti sanitari
  • sguardo all’innovazione
  • attenzione al trasferimento delle conoscenze prodotte nella formazione
  • elevata priorità per i pazienti
  • rilevanza all’interno del contesto e delle politiche territoriali
  • rapporto costi/benefici adeguato
Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch