Ricerche in corso

DIALOGUE

The DIALOGUE STUDY: Using digital health to improve care for families with predisposition to hereditary cancer” è un progetto bilaterale Svizzera-Corea del Sud finanziato dal Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica. Condotto dall’università di Basilea, il progetto si prefigge di sviluppare una piattaforma web per facilitare la comunicazione famigliare sulla predisposizione genetica al cancro al seno e alle ovaie e di valutare i risultati dell’implementazione di questa piattaforma in Svizzera e in Corea del Sud

CASCADE

Il progetto si rivolge agli individui portatori di mutazioni genetiche associate al tumore ereditario della mammella e dell’ovaio e alla sindrome di Lynch, così come ai loro familiari biologici.
L’intento è di caratterizzarne i bisogni e favorire l’utilizzo dei servizi di genetica oncologica.
Lo studio è condotto dall’Istituto di Scienze infermieristiche dell’Università di Basilea e coinvolge diversi centri di consulenza genetica nelle tre regioni linguistiche della Svizzera.

» Sito del progetto

INTERCARE - Nurse-led models of care in Swiss nursing homes

Il progetto, finanziato dal PNR 74 (Programma nazionale di ricerca n. 74 “Smarter healthcare” del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica), ha lo scopo di sviluppare un modello di presa a carico infermieristica per residenti di case per anziani con multimorbilidità.  La ricerca è pilotata dall’Istituto di scienze infermieristiche dell’Università di Basilea. Il DEASS SUPSI è coinvolto nel progetto attraverso un co-PI responsabile della valutazione costo-efficacia dell’intervento (C. De Pietro), e il Centro competenze anziani (CCA) responsabile dell’analisi sul campo in Ticino.

» Maggiori informazioni

SLHS – Swiss Learning Health System

Il progetto, finanziato da Swissuniversities, ha lo scopo di contribuire a rafforzare la politica sanitaria svizzera, identificandone alcune priorità, producendo evidenza per il policy making sotto forma di policy brief, e favorendo il confronto tra gli attori coinvolti sotto forma di stakeholder dialogue. Pilotato dall’Università di Lucerna, esso coinvolge otto Università e SUP Svizzere e si avvale della collaborazione di venti studenti PhD.
Il DEASS SUPSI ha due rappresentanti nello strategic council del progetto e impiega due studenti PhD che svolgono la propria attività di ricerca nell’ambito del progetto SLHS.

» Maggiori informazioni
» Sito del progetto

Health systems governance and social health protection in Ghana and Tanzania

Il progetto è finanziato dal programma R4D (Research for Development), a sua volta promosso congiuntamente dal Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica e dalla Divisione Cooperazione e Sviluppo della Confederazione. L’obiettivo è rafforzare la governance dei sistemi sanitari di Ghana e Tanzania e i diversi schemi di protezione sociale e copertura assicurativa promossi in quei paesi.
Il progetto, pilotato dallo Swiss TPH dell’Università di Basilea, otre alla SUPSI coinvolge il NADEL del Politecnico di Zurigo, la Scuola di Salute pubblica dell’Università del Ghana e dall’Ifakara Health Institute.
Il DEASS SUPSI collabora attraverso uno dei co-PI del progetto e l’attività di ricerca di uno studente PhD.

» Maggiori informazioni
» Sito del progetto

Autoplay

Questo progetto interdisciplinare mira a sviluppare un kit di giocatoli intelligente che consenta di misurare la manipolazione ludica dei bambini dai 9 ai 15 mesi. Lo strumento di misura servirà in futuro ad individuare i bambini che presentano uno sviluppo atipico, come per esempio nella condizione autistica. I partner del progetto sono l'ISIN del DTI della SUPSI, l'EOC, il Centro Pediatrico del Mendrisiotto, SUPSInido e la culla Baby Star di Breganzona.

» Maggiori informazioni
» Sito del progetto

Terapia occupazionale e sindrome di Dravet

Il progetto è nato dall'incontro tra persone affette dalla sindrome di Dravet e i loro famigliari, da un lato, e un gruppo di ergoterapisti, dall’altro. Lo scopo del progetto è rilevare i bisogni occupazionali dei giovani adulti con sindrome di Dravet e dei loro famigliari per capire quali strumenti e/o progetti sviluppare per potenziare le loro capacità di agire e l'equilibrio occupazionale dell'intera famiglia. I partner del progetto sono la Società Italiana di Terapia Occupazionale (SITO) e il Gruppo Famiglie Dravet.

» Maggiori informazioni

ANQ - Misurazione degli indicatori di prevalenza caduta e decubito

Dal 2011, su incarico dell’Associazione nazionale per lo sviluppo della qualità in ospedali e cliniche (ANQ), viene svolta la misurazione degli indicatori di prevalenza caduta e decubito. Sono documentate le lesioni da decubito tra gli adulti, i bambini e gli adolescenti fino a sedici anni, nonché, solo tra gli adulti, la frequenza delle cadute in ospedale. La Scuola universitaria professionale di Berna (BFH) si occupa dell’organizzazione della misurazione e dell’analisi a livello nazionale. La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI-DEASS) è responsabile del rilevamento dei dati nella Svizzera italiana.

» Maggiori informazioni
» Sito del progetto

STRAIN - Work-related stress among health professionals in Switzerland

Si tratta di un sottoprogetto della Scuola universitaria professionale di Berna (BFH) all’interno del progetto nazionale «Strategia per contrastare la carenza di personale tra le professioni sanitarie», attuato in collaborazione con la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI-DEASS). L’obiettivo è rilevare le cause di stress dei professionisti della salute in Svizzera e ridurle a lungo termine tramite interventi. Nel complesso, in tal modo si intende aumentare l’attrattiva delle professioni sanitarie.

» Maggiori informazioni
» Sito del progetto

BERKA - Berufskarrieren Pflege

Si tratta di un sottoprogetto della Scuola universitaria professionale di Zurigo (ZHAW) all’interno del progetto nazionale «Strategia per contrastare la carenza di personale tra le professioni sanitarie», attuato in collaborazione con la Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI-DEASS). Tramite sondaggi regolari presso infermieri che hanno conseguito il diploma in cure si mira ad analizzare i percorsi professionali e i progetti di carriera, nonché ad identificarne i fattori di incidenza.

» Maggiori informazioni
» Sito del progetto

NAT-ABBE

L’obiettivo di questo studio, che coinvolge gli studenti di tutte le SUP Svizzere nell’ambito delle professioni sanitarie, consiste nell'esplorare le competenze acquisite durante gli studi e quelle richieste dal mondo del lavoro ad un anno dal diploma.


» Maggiori informazioni
» Sito del progetto

IPE

La ricerca si propone di studiare qual è il potenziale della formazione interprofessionale (IPE) di base nel contesto sanitario svizzero per migliorare la qualità delle cure, attenuare la penuria di mano d’opera e ridurre i costi. Lo studio indaga l’esperienza IPE che dal 2006 si svolge in SUPSI–DEASS ed è finanziato dall’Ufficio Federale della Sanità Pubblica.
 
» Maggiori informazioni

Competence network health workforce (CNHW) - Strategia contro la penuria di personale specializzato in ambito sanitario

Il progetto, che prevede la collaborazione delle scuole universitarie svizzere con indirizzo sanitario, sotto la guida della Scuola universitaria professionale bernese, ha l’obiettivo di studiare e ridurre la carenza di personale qualificato. Le attività si concentrano in particolare sull’ acquisizione di conoscenze e sull’ implementazione delle evidenze, al fine di migliorare la competenza del personale sanitario. Su questa base viene istituito un centro di competenza per contrastare la carenza di personale qualificato nelle professioni sanitarie.

» Maggiori informazioni
» Sito del progetto

ETS - Ethical concerns and job satisfaction among outpatients health-care professionals

Questo sotto-progetto interamente gestito dalla SUPSI fa parte del progetto nazionale CNHW finanziato da Swissuniversities. L’obiettivo che si prefigge è quello capire quali sono le maggiori problematiche che infermieri indipendenti, medici di famiglia e fisioterapisti indipendenti incontrano in ambito etico nella loro pratica quotidiana. Si intende inoltre misurare l’intensità e la frequenza del distress morale vissuto, così come il grado di soddisfazione lavorativa. Questi dati saranno utili alla creazione di una struttura accessibile ai professionisti sanitari con lo scopo di offrire assistenza e sostegno in caso di problemi di natura etica.

» Maggiori informazioni

FORESIGHT - Financial Outputs, Risks, Efficacy, Satisfaction Index and Gate-keeping of Home Treatment in Ticino: Running innovation of acute psychiatric teams for Switzerland

Il progetto analizza il trattamento Home Treatment, una forma di cura del disagio psichico acuto direttamente al domicilio del paziente messa in atto dalla Clinica Psichiatrica Cantonale di Mendrisio. In collaborazione con questa istituzione e tramite un approccio multimetodo, lo studio valuta l’impatto clinico di Home Treatment, i meccanismi del suo funzionamento e i suoi costi. Si intende in questo modo identificare le condizioni di successo di questo intervento complesso in termini di organizzazione, formazione degli operatori sanitari, relazioni con il sistema sanitario e profilo dei pazienti. Il progetto è finanziato dal Programma nazionale di ricerca n. 74 “Smarter healthcare” del Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica.

» Maggiori informazioni

GOLD – Growing old with addiction

Il progetto, interdisciplinare e partecipativo, si avvale di un approccio mixed-methods per analizzare il processo di invecchiamento dei consumatori di droga in trattamento di sostituzione e le sfide che costoro pongono alle istituzioni di cura in Ticino. Scopo ultimo è sviluppare degli scenari di presa in carico di questa popolazione, così come dei programmi di formazione per gli operatori socio-sanitari che sono chiamati a prendersene cura.

» Maggiori informazioni
» Sito del progetto

Contatti
st.wwwsupsi@supsi.ch